Guantánamo: “Dopo 18 vergognosi anni continua a restare aperta”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
guanta-600x600

In occasione del 18esimo anniversario dell’apertura del centro penitenziario statunitense di Guantánamo Bay, l’11 gennaio, insieme ad altre organizzazioni per i diritti umani, i nostri attivisti di Amnesty International Usa chiederanno al governo degli Stati Uniti di chiudere la prigione e mettere fine ad anni di violazioni dei diritti umani.

“Dopo 18 vergognosi anni e dopo tre presidenti Guantánamo continua a restare aperta – ha dichiarato con una nota ufficiale Daphne Eviatar, direttrice del programma Sicurezza e diritti umani di Amnesty International Usa –. Persone a cui non è mai stato concesso un processo sono ancora detenute e invecchiano con la prospettiva di trascorrervi il resto della propria esistenza e morire lontanissimi dalle proprie famiglie e dai propri cari, che non vedono da anni. Guantánamo dovrebbe essere stata chiusa ormai da tempo e tutti gli uomini autorizzati al rilascio trasferiti nei paesi che si erano dichiarati disposti ad accoglierli“.

Durante la manifestazione, gli attivisti indosseranno tute arancioni e cappucci neri, simbolo delle centinaia di detenuti che sono stati imprigionati a Guantánamo. Durante un corteo funebre, che partirà dalla Casa Bianca e arriverà al Trump hotel, verranno portate nove bare, come le persone decedute nella prigione.

Attualmente a Guantánamo sono detenute 40 persone, tutte musulmane di sesso maschile, molte delle quali vi hanno subito torture.

Parecchi presentano problemi di salute conseguenza degli anni passati in detenzione, delle torture e di altri maltrattamenti. Alcuni restano in carcere nonostante da anni sia stato accordato loro il trasferimento. Tra questi, Toffiq al-Bihani, in carcere da otto anni senza processo. Con la nostra sezione negli Stati Uniti sosteniamo da tempo il suo rilascio e i manifestanti distribuiranno cartoline sul suo caso da inviare al dipartimento della Difesa.

La prigione resta aperta a oltranza sulla scorta di un decreto firmato dal presidente Trump.

La manifestazione è organizzata da Amnesty International Usa, Witness Against Torture, Defending Rights & Dissent, Center for Constitutional Rights, CAIR, September 11th Families for Peaceful Tomorrows, the World Can’t Wait, CODEPINK: Women for Peace, National Religious Campaign Against Torture, Close Guantanamo, Tsuru for Solidarity, and Justice for Muslims Collective.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’ultimo Rapporto Censis ci dice che tre italiani su quattro

E’ stato pubblicato l’avviso per l’assegnazione di nove alloggi popolari

Il 44% dei contribuenti dichiara il 4% dell’Irpef totale collocandosi

La paura è un sentimento che ha del buono, perché

• L’antico Mercatino di Natale di Stoccarda con i concerti,

Coronavirus. M5S: “Inaccettabile che apertura del DEA del Vito Fazzi

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.