Highland Titles, un eccellente esempio di organizzazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
generico

Contribuire al più grande progetto di tutela ambientale di tutta Europa regalando un terreno nelle Highlands Scozzesi

Nelle splendide terre delle Highlands scozzesi i paesaggi naturali della foresta caledone sono stati minacciati da uno scriteriato sistema agricolo e di silvicoltura industriale che ha introdotto alberi estranei, che hanno alterato l’equilibrio della fauna selvatica. Ma da alcuni anni c’è chi sta lavorando per ripristinare l’originaria purezza del territorio.

Highland Titles è un eccellente esempio di organizzazione su base volontaria di grande efficacia e successo, che sostiene la creazione e la gestione di riserve naturali con un metodo di finanziamento assolutamente originale, ad impatto zero ed eco sostenibile. Highland Titles è un’iniziativa ideata e interamente sostenuta da privati, senza alcun finanziamento pubblico. Il suo scopo è la tutela e la conservazione dell’ambiente naturale delle Highlands scozzesi attraverso la creazione di riserve naturali e la realizzazione di vari progetti di recupero delle specie autoctone, sia vegetali che animali.

Nel 2006 il Dr. Peter Bevis, accademico della Zoological Society di Londra, e la figlia Laura McGregor, hanno venduto parte delle proprietà di famiglia. Con i fondi ricavati, nel 2007 è stata acquisita la Riserva Naturale di Glencoe Wood, un appezzamento di 250 acri danneggiati dall’agricoltura intensiva e dalla silvicoltura industriale. Qui ci si è dedicati recuperare lentamente il territorio impiantando alberi di specie autoctone per riportare alla sua purezza il paesaggio delle West Highlands.
Nel 2015, infine, Highland Titles ha concesso in regalo 10 acri di terreno di questa riserva, destinati a creare Wildcat Haven, un’area protetta unica in Europa, per la tutela del gatto selvatico scozzese. Se la silvicoltura a scopo industriale di Abeti Sitka ha avuto come conseguenza la quasi totale scomparsa della fauna selvatica locale, quando si sono reintrodotti gli alberi, le piante e i fiori autoctoni, sono spontaneamente tornati gli animali che in quell’ambiente vivevano, come tassi, scoiattoli, cervi e tanti altri animali selvatici tra cui la volpe; numerosi anche gli uccelli, per lo più passeracei tornati a nidificare tra i rami degli alberi.

Una nota particolare va al ritorno del Falco Pescatore e alle Oche Canadesi, che tornano ai loro nidi per depositare le uova e mettere su famiglia. Nel 2014 si è aggiunta la Riserva Naturale di Mountainview, a Lochaber, dove si sta lavorando per il recupero della flora selvatica autoctona e dove è stata creata, con l’aiuto di Bumblebee Trust e Trees for Life, Bee Plan, un’area protetta per gli imenotteri, Bumblebee Haven. A tutt’oggi nella riserva si contano ben sette tipi di imenotteri tra Api domestiche e selvatiche , Bombi e Vespe. L’associazione no-profit Highland Titles Charitable Trust for Scotland gestisce il ricavato della raccolta fondi, che si basa sui proventi della vendita di piccoli appezzamenti di terreno delle due riserve. La destinazione dei terreni come Riserva Naturale non può essere modificata. Sui terreni acquistati non sono dovute tasse né imposte di alcun tipo e l’acquisto, accompagnato da un atto legale, dà diritto alla proprietà perpetua, trasmissibile in eredità.

Se volete fare un regalo, per un’occasione importante come una laurea o un matrimonio, o per un compleanno, sicuramente un appezzamento di terreno in una riserva naturale nelle Highlands scozzesi sarà molto apprezzato anche per il goliardico titolo di Laird, Lord o Lady che viene riservato a chi riceve in regalo un terreno souvenir. Ma perché non fare un regalo del genere anche a sé stessi? L’acquisto di un terreno permette di entrare a far parte del Clan di Highland Titles che, fra le altre cose, oltre al diritto di visita alla propria proprietà in qualsiasi momento vogliate visitare le riserve, comprende il diritto d’uso del Tartan, il tessuto per abbigliamento classico o tradizionale, che contraddistingue i Clan scozzesi.

Le due riserve Glencoe Wood.
La prima riserva creata, si trova a Duror, Appin, nei pressi della cittadina di Glencoe; lì si concentra la maggior parte delle attività di recupero ambientale e faunistico. È aperta alle visite, condotte da volontari, e da alcuni anni è considerata una delle migliori mete turistiche di tutta la Scozia. Qui si trova il centro di accoglienza dei sostenitori di Highland Titles per il rito del Meet and Greet, che va prenotato con mesi di anticipo tra maggio e la fine di agosto.

A Glencoe Wood si trova Wildcat Haven, centro di riabilitazione, cura e riproduzione del gatto selvatico scozzese. La popolazione di Felix silvestris grampia è stimata al di sotto di 100 esemplari su tutta l’isola di Gran Bretagna, e soltanto 35 in tutta la Scozia: questo felino è il mammifero più raro del mondo se consideriamo che la Tigre del Bengala ha 3.890 esemplari viventi e il plantigrado Orso Bianco oltre 9.000 esemplari. In quest’area protetta unica in Europa si lavora sia alla cura e alla riabilitazione di esemplari di gatto selvatico scozzese trovati feriti, che all’educazione e all’indipendenza di cuccioli abbandonati dalle madri a causa della cruenta deforestazione delle Highlands e delle Lowlands. Sul sito internet di Highland Titles si può ammirare un breve video di due cuccioli salvati a Wildcat Haven ed è anche possibile adottare un gatto selvatico: con la vostra donazione potrete contribuire a sostenere il progetto più importante d’Europa per la preservazione di questo splendido animali a rischio di estinzione.

A Mountainview, Lochaber, situata nei pressi del castello di Invergarry e del celeberrimo lago di Loch Ness, è la seconda riserva. Si affaccia sul Loch Loyne, famoso per la pesca del luccio. La visita a tale riserva non è guidata. A Mountainview si trova Bumblebee Haven un altro dei paradisi di Highland Titles, quello delle api, dove è possibile visitare alcuni alveari grazie alle tute messe a disposizione per i visitatori. I rapporti con la comunità locale Gradualmente le comunità che vivono nei pressi delle riserve naturali hanno acquistato fiducia e instaurato rapporti sempre più stretti e fruttuosi con Highland Titles, che ha portato ricchezza e benessere, oltre che contribuendo alla tutela dell’ambiente naturale delle Highlands occidentali, anche esercitando una forte attrazione sui turisti. Uno splendido esempio di come la ricchezza degli esseri umani possa essere in armonia e crescere di pari passo con il rispetto dell’ambiente e delle sue creature. Highland Titles rappresenta anche un soggetto educativo, che collabora con scuole di vario ordine e grado attraverso progetti volti alla sensibilizzazione delle nuove generazioni sui temi del rispetto ambientale. Ad esempio organizza corsi di Educazione Ambientale per bambini, ed è in contatto con alcune università di cui accoglie gli studenti per permettere loro di realizzare attività dal vivo all’interno delle riserve naturali. Perché per proteggere la natura non bastano pochi appassionati sensibili alle tematiche ambientali, bisogna essere in molti. Anzi, dovremmo farlo tutti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Quanto è avvenuto sul caso Sea Watch conferma, semmai ce

Continua l’espansione anomala dell’alta pressione africana. Anche domenica sull’Italia temperature

Parte un nuovo giro di vite su chi movimenta, tra

Questa mattina il Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto

“A decidere se parteciperò a ‘Ballando con le Stelle’ sarà

Roma – Basta nomine politiche in sanità”. Presentazione delle misure

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.