Ho concluso una settimana ricca di impegni qui a Bruxelles

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
clima

Prima di tornare in Italia però volevo aggiornarvi sui lavori che abbiamo portato avanti.

In tema di Ambiente abbiamo dato un impulso decisivo per contrastare in modo netto i cambiamenti climatici con la Legge Climatica: saremo innovativi nel mondo perché introdurremo un taglio del 60% delle emissioni di gas serra entro il 2030, con il grande obiettivo di liberarci dalle fonti fossili nel 2050. Anno in cui puntiamo al raggiungimento della piena neutralità climatica in Europa. Anche se abbiamo sempre sostenuto un obiettivo del 65%, abbiamo votato a favore del compromesso. Poiché se ci fossimo schierati contro, avrebbero vinto i no, 340 a 338.
Gli europarlamentari di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia hanno votato contro e sono stati sconfitti dimostrando purtroppo di essere ancora una volta nemici dell’Ambiente.
Ma pensiamo positivo poiché con questo voto andato in porto, abbiamo condizionato i prossimi obiettivi degli Stati Membri che dovranno essere coerenti con gli obiettivi climatici dell’Unione. Sarà un passo importantissimo che potremo raggiungere grazie ai nostri sforzi ed è un modello che cambierà le nostre vite e il nostro quotidiano a cominciare dal mondo della Logistica e dei Trasporti.

Sul Lavoro, arrivano buone notizie dalla Commissione europea: chi dà lavoro al Sud vedrà ridotto di un terzo il suo carico contributivo fino a dicembre. Ora il Governo italiano punta a far estendere questa agevolazione fino al 2029, finanziandolo tramite il Recovery Fund, se necessario. Il Sud sta pagando la situazione in modo grave, e già partiva da una situazione di svantaggio strutturale. Il piano di utilizzo del Recovery Fund prevede che il 34% della sua dotazione italiana sia destinato proprio al Sud. Questo è un primo passo verso un piano che sappia dare uno slancio alla crescita del Sud Italia che finora non è stato valorizzato come si sarebbe dovuto. Abbiamo bisogno di un Sud connesso con l’Europa ma che preservi al contempo le sue specificità produttive.

Vi aggiornerò come sempre!

#InEuropaConFurore

Mario Furore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Cioè il piccolo monumento alla nostra speranza. La prima, plastica

Tutto è cominciato con una magia, e non poteva essere

«Anziché litigare adesso su quanti soldi ci saranno, iniziamo a

Compie 50 anni Pierfrancesco Favino, emblema dell’attore libero da ogni

CNA ha condiviso con le altre organizzazioni datoriali e i

Nord Diffuso maltempo con piogge e temporali sparsi, localmente forti

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.