HOMUNCULUS RES, Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Homunculus Res_Andiamo in giro copertina

AMS Records pubblica il quarto album della originale band palermitana: la società dei consumi riletta tra progressive, jazz-rock e Canterbury in ‘Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco’
Il fuoco, il consumismo, il prog contemporaneo: tornano gli Homunculus Res

HOMUNCULUS RES
Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco
10 tracce | 48.94
AMS records | Distr. BTF

In girum imus nocte et consumimur igni – in italiano Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco – è un indovinello palindromo di un anonimo medievale ripreso da Guy Debord per descrivere metaforicamente la società dei consumi in cui siamo immersi oggi, in una forma esasperata e sempre più legata all’immagine. Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco è anche il titolo del quarto album degli Homunculus Res, l’originale formazione palermitana che si è ritagliata uno spazio più unico che raro nel panorama internazionale progressive.

Andiamo in giro di notte e ci consumiamo nel fuoco, primo album del gruppo per AMS Records, è più essenziale e diretto che in precedenza, in tutti i brani ci sono riferimenti più o meno espliciti a fuoco, luce, calore, elettricità, nonché numerose metafore, messaggi subliminali, presenze mistiche e oscure, e molti altri dettagli che rendono questo lavoro stratificato e complesso. La discografia degli Homunculus Res ha una forte componente simbolica, filosofica e psicologica: il primo album è stato dedicato al connubio terra/morte, il secondo ad acqua/malattia, il terzo ad aria/sogno e il quarto, questo nuovo capitolo a fuoco/consumismo. Gli Homunculus descrivono nascita, crescita, sviluppo, vizi e paure dell’homunculus: caricatura dell’uomo.

Homunculus Res è nato nel 2010 dall’unione tra Dario D’Alessandro – autore di musica, testi e illustrazioni – e i fratelli Di Giovanni, con la precisa volontà di giocare con tempi spezzati e arrangiamenti obliqui, traendo ispirazione dal cosiddetto suono di Canterbury, il movimento Rock In Opposition e il pop psichedelico barocco, per arrivare a una forma di jazz-rock melodico, leggero e ironico. Fondamentale è stato l’apporto al mix e alla co-produzione di Paolo Botta, tastierista dei Not A Good Sign. Dal secondo album Come si diventa ciò che si era (2015) la band ha cominciato a collaborare con una vasta schiera di musicisti tra cui David Newhouse (Muffins), Aldo De Scalzi (Picchio dal Pozzo), Steve Kretzmer (Rascal Reporters), Regal Worm, i francesi Alco Frisbass, Wyatt Moss-Wellington, Lorenzo e Tommaso Leddi (Stormy Six, Mamma non piangere), Rocco Lomonaco (Breznev Fun Club), Luciano Margorani (LA1919) e Petter Herbertsson (Testbild!).

Homunculus Res:
https://www.facebook.com/HomunculusRes/

Homunculus Res Bandcamp:
https://homunculusres.bandcamp.com/

AMS Records:
https://ams-music.it/wp/andiamo-in-giro-di-notte-e-ci-consumiamo-nel-fuoco/?lightbox=true

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il presidente del Venezuela Nicolás Maduro ha denunciato che il

CODACONS: SMENTITA FAKE NEWS SU CALO RECORD TARIFFE NEL 2019.

LA CORRITREVISO DIVENTA VIRTUALE CON IL DEBUTTO MONDIALE DI RUNBULL In

PALERMO – Anche quest’anno il Sistema bibliotecario e archivio cittadino

“Quello che si sta verificando in Toscana con il batterio

In Oncologia dal 15 novembre è attivo un ambulatorio dietetico

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.