I cambiamenti climatici costeranno 69mila miliardi entro il 2100

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
A dramatic south-looking view of Stevens Creek reservoir in California during a drought; Shutterstock ID 369367394; Job: 369367394

Migliaia di miliardi. Per l’esattezza 69mila, sette volte la ricchezza prodotta ogni anno dai paesi dell’area euro. È il costo dei cambiamenti climatici entro il 2100 sulla base del report “Approach to assessing climate change risk for sovereign issuers” realizzato da Moody’s Analytics per valutare le implicazioni che i cambiamenti climatici possono produrre sull’affidabilità economica di un paese. Lo scenario disegnato dagli esperti di Moody’s è da brividi. Stimando un aumento del riscaldamento globale di due gradi centigradi il costo sarà di 69mila miliardi di dollari. Nell’ipotesi che la temperatura aumenti di 1,5 gradi la bolletta scenderà a 54mila miliardi.

Lo studio di Moody’s mette in risalto i danni alla salute dell’uomo, alla produttività sul lavoro, ai raccolti e al turismo. “L’aumento delle temperature – si legge nello studio – danneggerà universalmente la salute e la produttività” mentre gli eventi meteorologici sempre più estremi colpiranno maggiormente infrastrutture e proprietà fondamentali, compromettendo le “normali” condizioni di vita sul pianeta.

Gli analisti valutano poi nel dettaglio l’impatto economico sui principali paesi in termini di crescita del Pil ipotizzando uno scenario estremo con innalzamento delle temperature di 4 gradi centigradi. L’India è l’economia più colpita. L’aumento della temperatura inciderà negativamente sul Pil per il 2,5% l’anno al 2048. Oltre un punto e mezzo per la Russia. Effetto sostanzialmente neutro per l’Italia, la Francia, gli Stati Uniti e il Giappone. Alcuni paesi ne trarranno addirittura benefici in termini di crescita del Pil. In particolare le economie del Nord Europa: Lussemburgo avrà una accelerazione dell’1%, performance simili per Austria, Svezia e Danimarca.

Gli effetti più pesanti si faranno sentire in Medio Oriente e nel Sud est asiatico. L’Arabia Saudita sconterà una deviazione di oltre il 10% del Pil, poco meglio per Algeria e Malesia con un rallentamento del Pil di oltre 5 punti percentuali rispetto allo scenario base al 2048.

Gli analisti di Moody’s precisano che le stime calcolate sull’effetto dei cambiamenti climatici non incorporano i costi provocati dal fenomeno delle migrazioni climatiche.

Lo studio conferma come la minaccia climatica rappresenti quindi un rischio concreto e imminente rispetto al quale è necessario attrezzarsi per contenerne gli effetti. Coerentemente con quanto sostenuto da CNA, il cambiamento climatico non può essere sottovalutato né dal decisore pubblico, né dagli operatori economici per i possibili effetti sul sistema produttivo e sociale del nostro paese.

Dallo studio, emerge infatti che la capacità di assorbire lo shock economico e sociale prodotto da eventi climatici estremi dipende anche dalla capacità di risposta dei Governi rispetto a tale minaccia. CNA sostiene da tempo la necessità di agire in fase preventiva, attraverso la programmazione coerente ed organica di politiche pubbliche volte alla mitigazione del rischio climatico, e di piani operativi – in cui siano attentamente individuati misure e strumenti efficaci – volti a rafforzare la resilienza del nostro paese, riuscendo a trovare in tale ottica anche una nuova chiave di sviluppo in grado di risollevare la nostra economia.

L’impegno assunto dall’Italia con gli Accordi di Parigi a favore di un modello economico sostenibile – e recentemente declinato attraverso strategie orientate alla decarbonizzazione del sistema energetico e all’affermazione dell’economia circolare – deve essere in grado di stimolare uno sforzo collettivo per traghettare il paese verso un nuovo modello economico che garantisca benessere, diritti e sviluppo, ed in cui sia dato il giusto spazio all’apporto che le PMI possono fornire in virtù delle loro caratteristiche specifiche e della loro forte presenza sui territori.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

E’ tempo di mettere in sicurezza la balneazione attrezzata italiana!

Alzare i salari, fermare i cambiamenti climatici e avviare un

Nell’ambito del Preludio del Festival Letterario Isola delle Storie di

La notte scorsa il decesso di un operaio edile bergamasco,

Lectio magistralis al PalaRiviera su “La fatica di crescere”. “Non

Circa 110 detenuti coinvolti, 50 utilizzati per la cura del

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.