ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

«I migranti non sono profughi». Ecco il rapporto Onu che fa impallidire la Bellanova

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
migranti

«I migranti non sono profughi». Anche l’Onu sconfessa lo pseudo buonismo della sinistra. C’è un dossier dal titolo The Scaling Fences: Voices of Irregular African Migrants to Europes, infatti, che mette nero su bianco il vero motivo per cui gli immigrati vengono in Europa. Un dossier che fa impallidire la ministra Bellanova. La ricerca, come si legge sul Giornale che ha pubblicato i dati, realizzata dall’Undp (United Nations Development Programme), ha intervistato più di tremila immigrati provenienti da 43 diversi paesi africani e stabilitisi in tredici Paesi europei, scoprendo che questi non partono affatto per guerre, carestia e povertà.

La realtà descritta dalle Nazioni Unite è infatti ben diversa. I migranti, arrivati quasi tutti con i barconi, per il 49 per cento avevano un lavoro, in molti casi uno stipendio maggiore e un livello di istruzione più alto della media dei connazionali. In molti gli intervistati assicurano che guadagnavano a sufficienza per vivere dignitosamente anche in Africa. E il 12 per cento ha assicurato che era in grado anche di mettere via risparmi. Situazione ben diversa da quella che la sinistra coi suoi proclami vuole propinare agli italiani. Ma c’è di più. Secondo quanto si legge sul dossier gli stranieri che sono partiti stavano relativamente meglio rispetto ai loro coetanei.

Il vero motivo della loro fuga? È dovuto per il 60 per cento alla volontà di trovare un altro lavoro e mandare i soldi a casa. Per il 18 alla “famiglia o amici”. E infine per l’8 per cento all’istruzione. Ma nessuno accenna a situazioni di pericolo in patria o di essere stato costretto. Il viaggio verso le coste italiane è quindi un “investimento”. In genere per arrivare in Europa pagano circa 2700 dollari che sono finanziati spesso dai parenti. Poi, una volta arrivati a destinazione, cercano un lavoro. E quindi mandano i soldi a chi ha investito nel viaggio. «Investitori» che come scrive l’Onu si attendono degli utili: un «return on investment» (Roi).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La CISL Scuola ha inviato al Ministero dell’Istruzione, insieme alle

La nona azione di controllo straordinario del territorio, programmata dall’incaricato

Milano, – Buone notizie sul fronte del riciclo di carta

NICHELINO (TORINO) – Nel quartiere SANGONE si trovano saggi di

La Questura di Treviso ha, in particolare, organizzato numerosi incontri

Tra i mega atenei statali (quelli con oltre 40.000 iscritti)

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.