ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

I numeri relativi al Covid sono ben più che incoraggianti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bassetti

Sempre meno pazienti in terapia intensiva e sempre più dimessi. La crescita di nuovi casi nelle varie regioni è compresa tra lo 0.1 e 0.2% sul giorno precedente, pressoché ferma.

I pazienti con il COVID che si presentano oggi alla nostra attenzione sono profondamente diversi da quelli che arrivavano nei nostri ospedali a marzo/ aprile. Per usare un paragone comprensibile ai miei figli ho chiamato in causa il mondo animale: a marzo/ aprile il COVID era una tigre, oggi è un gatto selvatico addomesticabile. Perché? Meno carica virale e meno virulenza? Entrambe le ipotesi sono valide, attendiamo conferme dai laboratori di virologia, già anticipate dal San Raffaele e dall’ospedale di Brescia. Non si dica però che oggi il virus è meno letale perché siamo più bravi o perché i pazienti arrivano prima in ospedale. E’ vero che siamo più bravi, ma la presentazione clinica e l’esordio della malattia oggi sono molto diversi.

Capitolo passaporto sanitario per recarsi in alcune regioni: lo trovo poco in linea con la privacy dei pazienti. Creerebbe un precedente: chiedere agli italiani di esibire la negatività del tampone o quella della sierologia equivarrebbe a chiedere a un giovane di esibire il test per l’HIV o per la sifilide negativo, prima di entrare in una discoteca. A mio avviso le informazioni dovrebbero restare sensibili e valutate esclusivamente dai medici.

Ho trovato infine interessante un articolo scientifico sud-coreano in cui si dimostra che chi torna positivo dopo due test negativi non contagia e soprattutto non va considerato il caso come una nuova infezione, ma è sempre la stessa che continua con minor forza e contagiosità. Da approfondire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Accelerare e sburocratizzare le procedure d’appalto, con il duplice obiettivo

Il Dalai Lama è in quarantena a scopo precauzionale. Lo

In piazza ci sono tutti, dal Leader della Lega Matteo

Il Parlamento olandese ha votato due mozioni che bocciano i

elezioni

Nell’approssimarsi della scadenza elettorale del 26 maggio (elezioni europee e

Giulia è morta , dopo giorni di sofferenza a 23

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.