ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

I tragici effetti della privatizzazione e di un paese all’asta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
122963154_407197920454457_4206289492503995493_n

Ciò a cui stiamo assistendo è surreale quanto drammatico, un governo inerme di fronte all’emergenza sanitaria, lo stato è impossibilitato ad agire per colpa dello stesso sistema che ha venduto il nostro paese ad aziende interessate al solo profitto.

Un cane che si morde la coda.

Ospedali, autobus, metropolitane, treni, bollette di elettricità , gas e acqua sono in mano a società private che di sicuro non hanno a cuore la stabilità finanziaria di milioni di famiglie.
Tornare indietro è difficile, dobbiamo immaginare uno stato che in situazioni come queste, affiancando alle chiusure delle attività commerciali avrebbe potuto sospendere le bollette logoranti, potenziare gli ospedali e le scuole con nuove assunzioni, aumentare il numero di mezzi dei trasporti pubblici per renderli più frequenti e meno affollati , e la lista potrebbe continuare all’infinito. La soluzione al virus non possiamo di certo trovarla ma la soluzione al tracollo economico è di fronte ai nostri occhi. Lo stato ritorni ad essere Stato, per il bene di tutti e non per il benessere economico di pochi

La Segreteria Partito Comunista Italiano Federazione di Genova
[email protected]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In un momento non facile per l’economia mondiale si conferma

deluca

Nel corso del suo consueto messaggio settimanale alla cittadinanza Il

Dopo oltre 130 giorni di chiusura, dovuta all’emergenza coronavirus, il

Nella suggestiva cornice del Lido di Caldonazzo, alla presenza degli

“Dateci retta: abbiamo 16 milioni di buoni motivi”. È lo

Il Reddito di Cittadinanza funziona e sta dando i primi

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.