ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

I VERI CONTI DEL RECOVERY FUND

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
62054064_1330010403817078_4310679819672092672_n

Dopo le roboanti dichiarazioni della prima ora, oggi è possibile fare i calcoli su dati ufficiali e quindi giudicare lo strumento del #RecoveryFund per quello che davvero è!

Per capirne il funzionamento bisogna distinguere le 3 fasi in cui è strutturato il fondo: la fase di #raccolta della liquidità, quella della #distribuzione e quella della restituzione dei #prestiti.
Solo alla fine si può fare un bilancio per Paese.

1) Fase della RACCOLTA della liquidità.
Il fondo è di 750 mld con un contributo previsto per l’Italia di 96 mld. Al momento non è importante ragionare sul come e sul quando restituiremo questi 96 mld, possiamo anche pensare di doverli sborsare subito se questo può aiutare a comprendere. L’importante è il flusso di cassa e alla fine della fase di raccolta possiamo dire che l’Italia è a -96 mentre la Commissione sale a +750 (stiamo ipotizzando la partecipazione di tutti i Paesi UE);

2) Fase della DISTRIBUZIONE della liquidità.
– Nel caso che tutti i paesi chiedano un prestito all’Italia viene distribuita la cifra di 153 mld, con l’intesa che 102 sono trasferimenti e 51 sono prestiti.
In questo scenario il bilancio italiano passa a +57 (153-96), quello della Commissione torna a 0 (perché avrà distribuito il fondo a tutti i Paesi partecipanti);
– Ne caso che alcuni Paesi rifiutino la liquidità in prestito aumenta lo spazio per l’Italia che può chiedere prestito fino ad un massimo di 84 (4,7% del PIL). In questa circostanza l’#Italia riceverebbe 186 (102+84) ma con l’intesa che poi ne deve restituire 84.
In questo scenario il bilancio italiano passa a +90 (186-96), quello della Commissione ancora a 0 (ipotizzando che tutta la liquidità per i prestiti sia raccolta dagli altri Paesi);
– Nel caso che l’Italia rifiuti il prestito riceverebbe i suoi 102 e il suo bilancio si ridurrebbe a +6 (102-96). Quello della Commissione (se gli altri chiedono i prestiti, resta comunque 0)

3) Fase della RESTITUZIONE.
In questa fase i Paesi che hanno chiesto il prestito devono restituirlo.
– se l’Italia riceve 153, ne deve restituire 51 e quindi il suo bilancio finale è 153-51-96=+6
– se l’Italia riceve 186 ne deve restituire 84 e il suo bilancio è 186-84-96=+6
– se l’Italia non chiede prestito il suo bilancio è ancora 102-96=+6

In definitiva il saldo italiano è sempre positivo ma di soli 6 miliardi di Euro e questa cifra potrebbe essere erosa dal costo del finanziamento che qui non abbiamo considerato.
In tutti i casi il #bilancio finale della Commissione è +250 (la quota di prestiti) che, presumibilmente, userà per ripagare i Paesi che hanno versato di più per la creazione del fondo.
Rimane da valutare questi bilanci in rapporto alle condizionalita’ con cui verranno erogati prestiti e trasferimenti.
In definitiva, per giudicare il Recovery Fund alla luce di queste valutazioni, che dopo la pubblicazione dei documenti ufficiali sono possibili, possiamo dire che si tratta di una forma embrionale di #Eurobond ma da qua a parlare di fondo perduto e solidarietà ce ne passa!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’Inter nella capitale fallisce l’ultima chiamata per lo scudetto. Il

Andiamo avanti per rilanciare l’azienda di trasporto pubblico di Roma

Dopo la suggestione dell’acqua e le sue leggende tramutate in

CON IL CONCERTO DEI ‘BARAONNA’ Swing, mediterraneità, canzoni d’autore. Il

Le indagini in una scuola dell’infanzia della provincia di Udine

Tratto da “ Lessico Finanziario “ di Beppe Ghisolfi –

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.