Ian McKellen lancia un programma a sostegno delle persone LGBT+ over 50

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ian-mckellen-800

Il leggendario attore del Signore degli Anelli, Ian McKellen, ha lanciato un programma per supportare persone gay, lesbiche, bisessuali e trans con più di 50 anni.

L’attore inglese ha collaborato con l’associazione benefica britannica LGBT Foundation per creare Pride in Aging.

Il programma è stato presentato a un evento a Manchester il 5 giugno presso il Barclays Eagle Lab.

“Nessuno nasce con pregiudizi, è qualcosa che impari”, ha detto McKellen all’evento.

‘Anche nel Lancashire, che ora è il Greater Manchester, dove sono cresciuto, 70 anni fa c’era solo un silenzio totale.’

Ha inoltre aggiunto: “Non si faceva menzione della sessualità oltre all’eterosessualità a scuola, alla radio, in chiesa. Silenzio assoluto. Quindi non c’è da meravigliarsi che le persone più anziane, quando le cose sono confuse, possano ripensare a un momento in cui le cose erano diverse”

‘Sventolare la bandiera per la piena e totale uguaglianza, e per l’amore, è qualcosa che ha il mio totale sostegno’, ha aggiunto.

Pride in Aging lavorerà per porre fine alle disuguaglianze affrontate dalle persone lesbiche, gay, bisessuali e trans con più di 50 anni nella Greater Manchester e per garantire loro di avere accesso a alloggi e cure inclusivi.

Il programma affronterà anche l’isolamento sociale affrontato dalle persone LGBTI over 50 nel Regno Unito, che finisce per avere un impatto significativo sulla loro salute, felicità e benessere.

Inoltre, celebrerà anche gli aspetti positivi dell’essere una persona LGBTI nella terza età. L’obiettivo è riunire le persone per condividere le loro storie ed esperienze e costruire una comunità attiva ed emancipata.

“Siamo incredibilmente grati a Sir Ian per aver lanciato questa nuova iniziativa incredibilmente importante”, ha affermato Paul Martin OBE, direttore esecutivo della LGBT Foundation.

“Sappiamo che le persone LGBT over 50 hanno un rischio molto più elevato di isolamento e sono poco riconosciute nei servizi sanitari e di assistenza sociale e potrebbero essere esposte a discriminazioni a causa del loro orientamento sessuale o identità di genere”.

“Riteniamo che tutte le persone LGBT con più di 50 anni abbiano il diritto a un’eccellente qualità della vita negli anni a venire e siamo ansioni di lavorare per porre fine alle molte disuguaglianze che le persone LGBT devono affrontare invecchiando.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

TEMPIO PAUSANIA – Dopo mesi trascorsi a contatto con le

Sos ambiente: in regione aumentano le zone ritenute inquinate, ma

Trovate qui il testo di una mozione scritta e presentata

“L’incontro di ieri  alla Camera con i familiari delle vittime

“Ho convocato per il prossimo 24 luglio alle ore 11

Sono convinto da tempo che il muro di incomunicabilità tra

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.