ICS E FCrI, un accordo per la crescita e lo sviluppo del cricket

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
a3

Un nuovo accordo a favore delle Discipline Sportive Associate quello firmato dal Presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo, Andrea Abodi, e dal Presidente della Federazione Cricket Italiana, Fabio Marabini. La convenzione intende favorire le migliori condizioni per l’effettiva crescita del movimento, attraverso il miglioramento dell’impiantistica sportiva dedicata al cricket, il più antico sport di squadra e il secondo più seguito al mondo.

Il Credito Sportivo consentirà alla Federazione e alle società affiliate di accedere a prodotti dedicati a condizioni particolarmente agevolate, come il Mutuo “light” 2.0 DSA per importi dai 15 mila ai 60 mila euro per realizzare, ristrutturare e riqualificare impianti sportivi, migliorandoli anche con nuove attrezzature. La durata massima del finanziamento è di 7 anni, con una procedura istruttoria semplificata che rende più facile l’accesso al credito senza nessun’altra garanzia richiesta all’associazione, ma con il sostegno del Fondo di Garanzia ICS, e la lettera di referenza da parte della DSA di riferimento. Inoltre, la Convenzione consentirà alla Federazione, di ottenere finanziamenti a tasso zero rimborsabili in 15 anni fino a un massimo di 6 milioni di euro per la realizzazione o il miglioramento di impianti federali e l’acquisto di attrezzature sportive di alto livello.

La Federazione Cricket Italiana, nei suoi quasi quarant’anni di vita, continua a lavorare assiduamente sia per la diffusione capillare di questa disciplina, coinvolgendo sempre più persone e rendendolo uno sport più facilmente accessibile, sia per l’integrazione sociale, con l’obiettivo di realizzare un vero e proprio progetto sportivo, educativo e culturale. Per farlo al meglio sono però necessarie le infrastrutture e l’impiantistica rappresenta una priorità assoluta per la nuova governance federale. La presenza di campi che rispettano gli standard richiesti dall’International Cricket Council, è una condizione necessaria sia per la crescita della nazionale sia per poter ospitare tornei internazionali. Ecco perché l’accordo fra ICS e FCrI rappresenta a tutti gli effetti un passo epocale per la crescita del movimento del cricket italiano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

NO AD ALLARMI INGIUSTIFICATI CHE SI TRADUCONO IN UN REGALO

La pervasività delle infiltrazioni delle mafie nel Nord Italia sono

Previdenza I vari gruppi stanno affilando le armi in vista

La legge di bilancio per il 2020 ha ripristinato la

Aziende, Scuola e Società L’I.T.I.S. “L. Casale” di Torino visita

«Ancora una volta le previsioni del Codacons trovano conferma nella

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.