Iglesias: “Recovery Fund e reddito vitale, Europa parta da qui”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
spagna.

“Recovery Fund e reddito minimo vitale, l’Europa solidale parta da qui”. Parla a Il Messaggero Pablo Iglesias, vice presidente del governo spagnolo con delega a Diritti sociali e Agenda 2030, segretario generale di Podemos. “Il dibattito che si sta producendo è sul futuro dell’Ue, ci stiamo giocando il progetto europeo – risponde a una domanda sul Recovery Fund – Voglio pensare che i Paesi del Nord abbiano interesse a proteggere l’Unione, perché questa è stata molto vantaggiosa anche per loro, cominciando dalla Germania”.

Politologo di formazione, Iglesias sottolinea come “tra gli economisti si dica che le situazioni di catastrofe non convertono gli atei in credenti, ma i neoliberisti in neokeynesiani” e afferma che la situazione attuale richiede “politiche anticicliche” e “politiche fiscali che proteggano la domanda”.

“Nei prossimi giorni”, dice, il governo spagnolo approverà il reddito minimo vitale, “una prestazione che riguarderà più di un milione di famiglie”. “Ho scritto un manifesto con le ministre italiana e portoghese del Lavoro per un reddito minimo vitale europeo, perché – sostiene – questa misura avvicinerebbe la Ue alle necessità dei cittadini”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Cresce l’attesa per Italia-Grecia, come testimoniano gli oltre 40.000 biglietti

Con l’Italia isolata a rischio 44,6 miliardi di esportazioni agroalimentari

# Grande successo per “Luci della finanza” il nuovo videogioco

È una cosa bellissima a cui guardare con grande attenzione.

“La centrale unica del 112 sta vivendo grandi problemi in

Io abito a Trieste, e tutti noi triestini conosciamo bene

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.