IL CYBERBULLISMO PUO’ ROVINARTI LA VITA!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
cyber

L’inferno, per un giovane, può materializzarsi attraverso uno smartphone.
Un bullo nascosto dietro l’anonimato può aggredire l’intimità e violare la dimensione sociale di una persona.

Secondo una ricerca Unicef uscita nei giorni scorsi, uno studente su cinque salta la scuola a causa del bullismo online. I dati suggeriscono che le ragazze hanno maggiori probabilità di essere vittime di cyberbullismo rispetto ai ragazzi.
Numeri allarmanti, che deve spingerci a mettere in atto tutte le iniziative educative e culturali per fermare un fenomeno dilagante, specie tra i più giovani.

Bisogna parlarne nelle scuole, soprattutto per far conoscere tutte le misure di sostegno e di difesa messe a disposizione dalla legge.
Qui sono riportati gli strumenti legislativi adottati dal Governo
(➡️https://bit.ly/38pC9BO), ma insieme alla conoscenza della legge c’è bisogno che il contrasto al bullismo e al cyberbullismo possa trovare momenti di confronto tra i ragazzi.

📌Un’azione da mettere in campo in tutti i comuni: ecco perché ho anche voluto presentare una mozione che impegna l’Amministrazione Comunale a farsi promotrice di una campagna di sensibilizzazione che tocchi i luoghi di aggregazione giovanile (scuole, palestre, librerie, bar) per il contrasto alla violenza digitale.

La conoscenza e la prevenzione possono restituire serenità alle vittime!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Individuato e denunciato dalla Polizia Municipale Momenti concitati ieri sera

Quando alcuni giorni fa Giorgia Meloni ha dichiarato che George

Si muove in equilibrio sui tetti della Ville Lumière, a

Trieste – “Il piano straordinario di rafforzamento dei Centri per

Un AVVISO DI ACCERTAMENTO ICI del Comune di Livorno relativo

“Dimissioni immediate. E’ una violenza nei miei confronti inaudita e

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.