ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

IL LIBANO IN DEFAULT PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
libano

Il Libano è ufficialmente in default per la prima volta nella sua storia. Lo annuncia il premier Hassan Diab, spiegando che da oggi, lunedì 9 marzo, il Libano non verserà la rata da 1,2 miliardi di dollari di interessi sul debito pubblico: un debito altissimo, circa 77 miliardi di euro, che andrà rinegoziato.

La decisione arriva dopo un percorso travagliato che ha visto il paese bloccato dalle proteste a partire dallo scorso 17 ottobre e che ha portato alla destituzione dell’ex primo ministro Hariri. La crisi economica, in ogni caso, ha radici molto profonde, che culminano nell’annuncio di sospensione del pagamento impossibile da sostenere per i cittadini libanesi che da mesi vedono gli effetti della crisi. Adesso andrà assolutamente evitata la bancarotta, in un paese che, per la propria storia e per la propria posizione geografica, non può davvero permettersi di collassare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

salvini

Come volevasi dimostrare, nelle carte consegnate da Matteo Salvini sulla

conte

Uno rinuncia a redditi professionali per un milione e si

PROPS Il festival teatrale alla sua VI edizione torna in scena

Prendete una delle modelle icona degli anni Novanta e unitela

Che cos’è l’amor? Chiedilo a Nicolas Cage, esuberante e imprevedibile

Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, ha condiviso la proposta

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.