ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Il Meet Up ABGT – TARANTO: A CHI AFFIDARE IL SUO FUTURO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
taranto

Il recente passato politico, nazionale e locale ci ricorda che fino a tre anni fa l’Italia era governata da una coalizione di centro sinistra, la Regione Puglia era (ed è) governata da una coalizione di centro sinistra, Taranto era (ed è) amministrata da una coalizione di centro sinistra, il cui partito di riferimento in tutti e tre i casi è il PD. Ma da decenni Taranto naviga nell’oblio e in quel degrado ambientale, economico e socio culturale che da troppo tempo la caratterizza. L’espressione “riconversione economica di Taranto” è stata sempre adoperata solo da cittadini sensibili e attivisti che hanno stimolato la presa di coscienza della condizione d’abbandono in cui versava, e versa, la nostra città. Questa spinta però non si è sempre tramutata in “coscienza politica” da utilizzare nelle istituzioni, tant’è che in tanti hanno approfittato delle opportunità elettive solo per un proprio tornaconto personale.

Da tre anni a questa parte stiamo invece assistendo ad una svolta straordinaria.

Stiamo infatti finalmente vedendo i fondi stanziati da anni nel CIS (Contratto Istituzionale di Sviluppo per Taranto, portato avanti dal Sottosegretario di Stato con Delega agli Investimenti) impiegati concretamente in opere di riqualificazione, ristrutturazione e valorizzazione del territorio cittadino: il verde urbano, il mare, il porto commerciale, l’università, la ricerca, i palazzi del centro storico e del borgo umbertino ne sono validi esempi. Ed in più, tanti rappresentanti delle istituzioni che consideravano Taranto solo quale polo industriale, petrolifero e militare, finalmente ora parlano di riconversione, di rigenerazione urbana, di patrimonio culturale e naturale, di mobilità sostenibile, di transizione verso un futuro nuovo per la città. A riprova di ciò, recentemente abbiamo anche visto l’apprezzamento dell’amministrazione comunale per le interlocuzioni portate avanti con il Sottosegretario, che hanno permesso di vincere il Bando nazionale “Italia City Branding”, con i progetti “Parco della Salina Piccola” e “Parco urbano sportivo dei XX Giochi del Mediterraneo”, progetti che saranno presi in carico dal CIS. L’idea di una città in cui si possano esprimere le potenzialità del territorio (agroalimentari, turistiche, culturali, paesaggistiche, ecc.) è una prospettiva che noi attivisti di Taranto del M5S, insieme ai nostri rappresentanti istituzionali, portiamo avanti da anni con tante iniziative, volantinaggio, petizioni nelle piazze, sulle spiagge, per coinvolgere la cittadinanza, affinché vengano realizzate negli opportuni contesti istituzionali (Comune, Regione, Governo). Ed i risultati che si stanno ottenendo per la nostra città ci inducono a continuare nell’impegno che ci ha visti protagonisti per lungo tempo.Costruire il futuro di Taranto con chi può essere in grado di dare il proprio contributo, sono sempre stati il nostro credo e la spinta morale che ci ha indotti a sperare nella sua realizzazione. E’ evidente che le ricadute positive di cui Taranto sta godendo sono dovute al fatto che da tre anni l’azione è più concreta, perché c’è un “motore nuovo” impiantato nel Governo nazionale, ovvero il Movimento 5 Stelle. Ed è per questo che il nostro impegno su Taranto sarà finalizzato alla rapida realizzazione di questi progetti, restando però convinti che ciò sarà possibile se verranno affidati nelle mani di un’amministrazione svincolata dai sistemi del potere.

Noi ci crediamo.

Meet Up Amici di Beppe Grillo Taranto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Roma  – Il Movimento cinque stelle considera “l’abolizione delle armi

orfini

Scintille tra i dem e nella maggioranza sulla scuole. Alla

Ogni abuso di potere e ogni attacco che mi lanciano

Approvate le Linee guida regionali per l’istituzione delle Unità speciali

# Alla presenza del Vescovo Guglielmo Borghetti è stato presentato

L’Unicef ha lanciato l’ennesimo terribile allarme sulla tragedia dimenticata dello

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.