Il Mes è un’occasione che va colta ora, basta ambiguità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
richetti

Cogliere un’occasione come il Mes, vuol dire attingere a queste risorse pagando un interesse più basso rispetto a quello che paghiamo emettendo debito in modo ordinario e dare nell’immediato risposte a problemi oggettivi relativamente a strutture, tecnologie e personale”. Così su Radio Radicale il senatore di Azione Matteo Richetti.

“Il mondo europeo per questa emergenza sta pagando un prezzo altissimo, doppio rispetto ai numeri mondiali. Durante gli Stati Generali di Conte, noi abbiamo fatto 53 proposte organiche per ogni singolo settore ma continuiamo a essere inascoltati dimostrazione di una totale insufficienza e incapacità di questa esperienza di governo.

Abbiamo bisogno viceversa – continua Richetti – di un governo liberale, europeista, che sostiene l’economia e che non utilizzi come leve il combinato disposto di blocco dei licenziamenti e di cassa integrazione perché vorrebbe dire, nei prossimi mesi, giocare solo in difesa. Ma quando finiscono i soldi che facciamo? Questo è un atteggiamento pericolosissimo e a maggior ragione dico che serve un’esperienza di governo più forte sul piano economico e sociale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La Regione Siciliana acquisterà il complesso termale di Acireale per

Come Sinistra Progetto Comune è da inizio consiliatura che chiediamo

Il gup del Tribunale di Bari ha prosciolto un 52enne

Ancora qualche giorno e queste giornate primaverili con temperature vicine

Dopo Firenze e Pisa, da lunedì riapriranno le biglietterie ferroviarie

Cuneo ospita la mostra fotografica itinerante “Sguardo sulle tracce del

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.