Il Museo EPIC si conferma nuovamente principale attrazione turistica d’Europa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
EPIC The Irish Emigration Museum

Il museo EPIC ha battuto la concorrenza di monumenti quali il Colosseo, Buckingham Palace e la Tour Eiffel, stabilendo il primato di due vittorie consecutive nella categoria Leading Tourist Attractions .

I World Travel Award, giunti alla 27^ edizione, con le categorie nazionali, continentali e mondiali, sono universalmente considerati gli “Oscar” del settore: il Gran Finale è previsto a Mosca, il 27 novembre.

Votato dal pubblico, il premio riflette le recensioni a cinque stelle che il museo ha ricevuto su TripAdvisor dal giorno della sua apertura nel 2016.

EPIC è interamente digitale e permette di vivere un’esperienza molto coinvolgente, interattiva e visivamente divertente dei suoi contenuti, incentrati su come, dove e perché gli irlandesi sono emigrati. Non va immaginato come il classico museo e offre un percorso di visita suddiviso in 20 gallerie interattive, celebrazione di ciò che veramente significa essere irlandesi. Da scoprire anche l’innovativo tour virtuale e il calendario di attività per tutte le età che possono essere fruite online.

Andando oltre gli stereotipi legati agli irlandesi, il museo aiuta a comprendere le influenze che il fenomeno dell’emigrazione irlandese ha prodotto nel corso di 1500 anni e l’impatto di vasta portata in ogni ambito, generato dai 10 milioni di uomini e donne che hanno lasciato l’Irlanda: dalla politica, alla poesia, alla scienza, allo sport, alla musica, all’arte, alla cultura, alla politica, al cibo e alla moda.

Il forte legame tra gli Stati Uniti e l’Irlanda è ben rappresentato, con un’impressionante schiera di illustri personaggi irlandesi-americani. Tra questi figurano i presidenti John F. Kennedy e Ronald Reagan, lo scrittore F. Scott Fitzgerald, il cantante John MacCormack, i ballerini Gene Kelly e Michael Flatley, gli attori John Wayne e Grace Kelly, il regista John Ford e molti altri.

EPIC è racchiuso tra le magnifiche volte dell’edificio del 1820 “Custom House Quarter”, ubicato nei Docklands di Dublino, punto di partenza per molti emigranti irlandesi che a metà del 1800 dovettero lasciare la loro patria a causa della Grande Carestia. In questa area sono, inoltre, presenti sculture commemorative della Carestia e la nave visitabile Jeanie Johnston, preziose testimonianze di uno dei più tragici capitoli della storia irlandese.

Il museo ospita anche un centro di genealogia all’avanguardia, che offre consultazioni con esperti, accesso a numerosi documenti genealogici e informazioni per aiutare le persone interessate a esplorare le proprie origini irlandesi.

EPIC ha dedicato il premio dei World Travel Awards agli irlandesi di tutto il mondo e in particolare a coloro che hanno lavorato per aiutare gli altri nelle proprie comunità nel corso della pandemia di Covid-19.

Oltre a far sventolare alta la bandiera dell’Irlanda, evidenziando la qualità della collezione variegata e unica di esperienze turistiche del Paese, il museo spera che questo riconoscimento contribuisca a dare un po’ di speranza alle persone operanti nell’ambito dell’industria turistica di tutta l’isola.

www.irlanda.com

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

I 357 nuovi casi confermati di coronavirus in Germania nelle

Si terrà il referendum per decidere se confermare o meno

Questa mattina si è tenuto un presidio di fronte alla

L’assessore regionale alle politiche abitative, Domenica Catalfamo, a seguito di

“La Cisl condivide e sostiene le ragioni della mobilitazione dei

La destra sovranista ha bisogno di esprimersi con il turpiloquio.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.