ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

IL NUOVO SCONTRINO IN MODALITA’ TELEMATICA. ACCOLTA LA RICHIESTA ASCOM DI UN AVVIO SENZA SANZIONI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
SCONTRINO

IL NUOVO SCONTRINO IN MODALITA’ TELEMATICA MA SENZA SANZIONI FINO ALLA FINE DI DICEMBRE.
L’ASCOM CONFCOMMERCIO DI PADOVA: “ACCOLTA LA NOSTRA RICHIESTA DI UN AVVIO “SOFT” DELL’OBBLIGO CONSIDERATA LA DIFFICOLTA’ DI CONSEGNA DEI NUOVI REGISTRATORI DI CASSA”
Soddisfatti.
“Perchè le nostre preoccupazioni hanno trovato accoglimento e anche perché un avvio “soft” di qualsiasi nuovo obbligo è sempre ben accetto”.
Arrivano commenti positivi dall’Ascom Confcommercio di Padova nel giorno dell’avvio del “documento commerciale di vendita o prestazione”, ovvero del nuovo scontrino che deve essere inviato all’Agenzia delle Entrate in modalità telematica.
“Nei giorni scorsi – spiega Riccardo Capitanio, presidente di Federmoda Confcommercio Ascom Padova – considerato che molti fornitori di registratori di cassa non erano in grado di consegnare i nuovi né di modificare i vecchi, avevamo chiesto un’introduzione “a maglie larghe” dell’obbligo e oggi siamo soddisfatti di poter dire che il nostro rilievo è stato ritenuto degno di considerazione”.
In effetti, i commercianti al dettaglio che non hanno ancora potuto dotarsi del registratore telematico per trasmettere i corrispettivi, potranno continuare ad utilizzare, per i prossimi sei mesi, il vecchio registratore di cassa senza incorrere in sanzioni, inviando i dati all’Agenzia delle Entrate entro il mese successivo.
Questi, in sintesi, i chiarimenti forniti dall’Amministrazione finanziaria con una circolare interpretativa.
“Anche se il nuovo obbligo – aggiunge il presidente dell’Ascom Confcommercio padovana, Patrizio Bertin – riguarda, al momento, solo chi ha un volume d’affari superiore a 400mila euro, si tratta pur sempre di una platea che solo nel padovano ammonta a poco meno di tremila esercizi, per cui un numero significativo che, in assenza dei chiarimenti, avrebbe avuto più di un problema a mettersi in regola dal 1° luglio”.
Come noto l’obbligo sarà esteso a tutti gli esercizi a partire dal prossimo 1° gennaio ma, nel frattempo, per i primi 6 mesi i soggetti con volume d’affari superiore a 400mila euro potranno inviare senza sanzioni i corrispettivi entro 30 giorni dall’effettuazione dell’operazione.
“Se non hanno il registratore telematico – precisano negli uffici dell’Ascom Confcommercio – devono fare regolare scontrino, tenere il registro dei corrispettivi, e potranno poi effettuare l’invio con modalità telematiche che verranno individuate tramite un prossimo provvedimento. Tale facoltà è ammessa sino al momento di attivazione del registratore telematico e in ogni caso non oltre la scadenza del 31 dicembre. A regime i corrispettivi potranno venire inviati entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Bilancio. Defr 2021-2023: via libera dalla commissione Cultura Relatore Sabattini

caldo

TORINO – Mentre gli scienziati di tutto il mondo lavorano

La seconda e la terza ondata di Covid-19 hanno peggiorato

Ceriscioli: “Segnale che stiamo lavorando bene, stimolo per migliorare anche

Negli ultimi 5 anni il Mediterraneo centrale è diventato mare

zingaretti

Mi vergogno che nel Pd, partito di cui sono segretario,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.