Il Primo Ministro della Repubblica ceca

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
90483528_2828530647230609_3133975470534557696_n

Andrej Babis, populista di destra, uno degli “amici di Visegrad” di Salvini, si è appropriato di 680MILA mascherine e migliaia di respiratori provenienti dalla Cina e destinati all’Italia.
La notizia ufficiale è arrivata ieri sera, a denunciarlo è il ricercatore Lukas Lev Cervinka che per primo ha reso noto il sequestro arbitrario del materiale sanitario, un carico di aiuti cinesi destinati all’Italia che transitava per la Repubblica Ceca.
A bordo dei camion fermati dalla polizia ceca c’erano scatoloni con le bandiere cinese e italiana, e scritte in italiano e mandarino in cui le autorità di Pechino lanciavano saluti e incoraggiamenti per l’Italia.

Ma non è tutto. Perché c’è anche un altro paese sovranista, la Polonia, che ha deciso di requisire 23MILA mascherine modello FFP2, regolarmente acquistate dalla Regione Lazio per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Trattenute alla dogana. “Son nostre, ci spiace”!
Eccolo il “prima gli italiani” tanto caro alle destre nostrane messo in pratica da Polonia e Repubblica Ceca. Eccoli i sovranisti col covid degli altri!

Riccardo Magi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Le più grandi voci della lirica internazionale in Arena in

Uno stanziamento di 812.000 euro destinato a 202 Comuni, a

Vita dura per chi deciderà di abbandonare i rifiuti davanti

Missione in Libia per il ministro degli Esteri Luigi Di

Nuovo impulso del Governo alla rivoluzione digitale attraverso il varo

GammaForum | ConneXions for Growth: tutto pronto per l’11° edizione dell’evento

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.