«Il recupero delle aree abbandonate è tendenza europea»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
UrbaBio - Annecy

BELLUNO – Ultima tappa del progetto UrbaBio in Francia, ad Annecy, dove a rappresentare il Comune di Belluno era presente l’assessore alle politiche ambientali, Stefania Ganz: «Anche qui, come a Belluno, si punta sul recupero delle aree abbandonate, anche sotto il profilo ambientale. Quello della rigenerazione è un tema dal deciso respiro europeo, e iniziative di confronto e di scambio di esperienze come questa rafforzano ancora di più il nostro impegno in questa direzione».
La delegazione ha infatti potuto osservare da vicino il connubio tra città e fiume e i progetti messi in atto per aumentare la biodiversità urbana: «Nei tratti fluviali sono stati realizzati interventi di riqualificazione di ingegneria ambientale, mentre nei parchi cittadini vengono coniugati aspetti culturali, ambientali e di sostenibilità. – spiega Ganz – Sono tutte iniziative interessanti, che possono essere d’ispirazione e “copiate” nelle realtà aderenti al progetto».
Qualche esempio? «Nei quartieri residenziali, nelle isole verdi sono stati realizzati degli orti urbani, dove i cittadini coltivano frutta e ortaggi per l’autoconsumo; in centro città, presto partiranno i lavori per il recupero delle vecchie stalle e maneggi e la loro trasformazione in luoghi aperti alla popolazione, per destinarli alla rinaturalizzazione dell’area con specie autoctone. – spiega l’assessore – Sempre in questa direzione, abbiamo potuto osservare da vicino il progetto degli “apiari urbani”, aree che incentivano il ciclo della biodiversità grazie alla presenza di diverse specie di piante e uccelli, oltre alla fondamentale presenza delle api, la cui sopravvivenza è sempre più a rischio a livello globale».
Iniziative che accomunano le realtà aderenti a UrbaBio: anche a Belluno, infatti, sono attivi da anni gli orti sociali, così come i progetti di rigenerazione urbana, che tra le Dolomiti hanno interessato anche edifici e aree abbandonati o in stato di degrado (come le ex caserme Piave e Fantuzzi, la scuola Gabelli, il ponte sul Gresal,…), oltre al Parco Fluviale di Lambioi, poi distrutto dal passaggio della tempesta Vaia.
«Il paesaggio naturale qui entra in città, e li si fa convivere. – conclude Ganz – Questi due mondi si integrano sotto il profilo ambientale, culturale e urbanistico, in una realtà a misura di cittadino e nel rispetto della biodiversità: un esempio per tutte le città alpine con una visione moderna ed europea».

Il progetto UrbaBio, promosso dall’Associazione Città Alpina dell’Anno, si propone un riutilizzo sostenibile delle aree di riconversione esistenti e vuole dare un forte contributo alla biodiversità nei contesti urbani, anche con occasione di confronto e discussione tra le realtà coinvolte.
Le città coinvolte nel progetto sono Belluno (da dove il progetto ha preso il via lo scorso settembre) e Trento per l’Italia e Chambery e Annecy per la Francia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

GRAZIE ALBANIA! QUESTA È LA SOLIDARIETÀ CHE SERVE ALL’ITALIA, DI

La corsa, dopo uno stop di alcuni mesi, torna sul

Ha scritto di notte, tra le quattro mura della sua

Il Jobs act va ribilanciato introducendo maggiori tutele per i

E’ andato al primo ministro dell’Etiopia, Abiy Ahmed Ali il

Continua l’impegno della Polizia di Stato ed in particolare degli

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.