ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Il sindaco di Venezia: “Il virus ha spazzato via il turismo cafone”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
brugnaro

Dopo oltre due mesi di lockdown, Venezia sogna il ritorno alla normalità. Da lunedì saranno possibili gli spostamento all’interno dalla propria Regione senza limitazioni e riapriranno tutte le attività commerciali. Il sindaco Luigi Brugnaro è ottimista. «Il virus ha spazzato via i turisti ‘mordi e fuggi’, ha fatto pulizia di un turismo cafone, abbastanza cialtronesco, di gente che voleva capire in un giorno la complessità di questa città, che l’anno prossimo compirà 1.600 anni di storia. 1.600 di democrazia. Ora trovate un’accoglienza che, forse, c’è stata solo in altri periodi storici».

Ma bar e ristoranti criticano le nuove disposizioni per le aperture, decisamente restrittive, che rischiano di mandare in fumo le speranze dei proprietari. Anche lo storico Harry’s Bar, lunedì, non riaprirà. «Quello che manca ancora a Venezia è la popolazione. Le città sono fatte di pietre e di cittadini. Qui ci sono le pietre, che parlano di un passato straordinario, di un passato spirituale» ha sottolineato Arrigo Cipriani, proprietario del celebre Harry’s Bar.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

fratelli

Non solo Fratelli d’Italia potrebbe superare Forza Italia, ma Giorgia

La Fifa contro Joseph Blatter e Michel Platini. La Federcalcio

Siamo nel 1648, in una piccola comunità inglese di pionieri

Cosa respiriamo aria pura o smog? Questo il dilemma che

“Vi racconto questa. Una volta in un Derby stavamo vincendo

COMITAS (ASSOCIAZIONE DELLE MICRO-IMPRESE): PRONTI A DENUNCE PENALI CONTRO ISTITUTI

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.