ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Ilaria Capua: “Il coronavirus non si estingue”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
capua

Come aveva rivelato anche l’infettivologo Matteo Bassetti, con il coronavirus occorre imparare a convivere: anche Ilaria Capua, infatti, è convinta che il virus non sparirà facilmente. Per tornare alla normalità, invece, bisogna aspettare l’avvio dei test sierologici che daranno “un’indicazione sulla positività della popolazione al coronavirus”. Infine, secondo la virologa, il virus porterà con sé grandi trasformazioni.
La fase due

Nella fase due il coronavirus non scomparirà, ha spiegato la virologa, ma il contagio verrà mitigato e potremmo scoprire chi ha gli anticorpi. “La parola d’ordine è “mitigare il contagio” – ribadisce Capua -, non certo puntare a bloccarlo in una fase come questa. Il virus non si estingue da solo, ha avuto una diffusione rapidissima anche grazie alla notevole mobilità umana. Potrebbe cambiare, magari diventare un’influenza: che, voglio chiarirlo, non è affatto una situazione banale per chi si ammala”.
Ilaria Capua: convivere con il coronavirus

Il coronavirus non scomparirà, secondo Ilaria Capua, e dunque sarà necessario imparare a convivere con esso. “Non solo non scomparirà – ha chiarito la virologa -, ma continuerà a circolare sotto traccia, senza dare grandi sintomi”. Non è detto, infatti, che l’arrivo dell’estate possa debellarne la diffusione. “Con l’arrivo dei nuovi freddi – ha proseguito Capua – potrebbero crearsi quelle condizioni che danno il via alla ‘malattia condizionata’ ma speriamo che le persone che torneranno a lavorare siano già positive”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sulla pelle della gente, Bolsonaro minimizzava e irrideva il virus,

Quelli davanti a cui non è consigliabile, in nessun momento,

Roma  – “Una situazione inedita per il nostro Paese: sono

Giulia è morta , dopo giorni di sofferenza a 23

Oltre allo sciopero della fame (di nuovo), ora arriva a

C’è stato tanto rumore esagerato che ha gettato nel panico

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.