IMMIGRATI. ALTO COMMISSARIATO ONU DOVREBBE APPLAUDIRE GOVERNO ITALIANO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
immigrati

ALTRO CHE CRITICARCI DICENDO CHE STIAMO SBAGLIANDO TUTTO

In un anno questo Governo ha bloccato i traffici delle navi delle ONG nel Mediterraneo e in questo modo i decessi nel Mediterraneo sono nettamente diminuiti e sono quasi azzerati gli sbarchi di clandestini in Italia con conseguente drastico calo delle ingenti spese di mantenimento di tutti questi immigrati, che tra il 2016 e il 2017 si aggiravano sui 5 miliardi l’anno.
Soldi pagati dai contribuenti italiani, non dalle ONG, dai Soros di turno o dall’Onu.
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite dovrebbe solo applaudire il Governo italiano altro che continuare a criticare come fa oggi la portavoce dell’Unhcr per il Sud Europa, l’italiana Carlotta Sami, che accusa l’Italia di ‘politiche basate su un linguaggio di odio, esclusione e sui muri che non rappresentano una soluzione’.
Ma in che mondo vive questa signora Sami?
La soluzione è sotto gli occhi di tutti gli italiani, con gli sbarchi azzerati e i porti chiusi.
Questi signori sono davvero sconnessi dalla realtà, quella vera, quella dei centri di accoglienza che stiamo chiudendo e non sono più strapieni di immigrati che nella stragrande maggioranza dei casi non avevano alcun requisito per ottenere lo status di rifugiati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Un Abruzzo più solidale e meno povero, è quello che

Se le dichiarazioni del sottosegretario al Lavoro Francesca Puglisi fossero

“Le carceri campane stanno esplodendo. Mentre il ministro della Giustizia

“Sulla formaldeide cancerogena il ministero dell’Ambiente assicura l’emanazione di un

GLI ENTI LOCALI SICILIANI POTRANNO FINALMENTE CHIUDERE I BILANCI PREGRESSI,

Il testo integrale della risposta in Aula del ministro per

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.