ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Immigrazione, Meloni: Serve blocco navale europeo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
meloni

«Sull’Italia rischia di esplodere una bomba migratoria senza precedenti. Apprendiamo dalla stampa, infatti, l’allarme contenuto negli ultimi report dei Servizi: almeno 20 mila immigrati sarebbero pronti a partire dalla Libia verso le nostre coste. Un fiume di persone che la Turchia di Erdogan, principale sostenitore e alleato del governo di Tripoli, vorrebbe utilizzare come strumento di pressione nei confronti dell’Europa. A questo si aggiunge l’annunciato ritorno in mare delle navi delle Ong, che tornerebbero a rappresentare un importante fattore di attrazione di nuovi sbarchi. La posizione di Fratelli d’Italia non cambia e rimane sempre la stessa: serve un blocco navale europeo per impedire ai barconi di partire, togliere ai trafficanti di esseri umani il business dell’immigrazione e fermare le stragi nel Mediterraneo, valutare direttamente in Nord Africa le domande di asilo e distribuire equamente chi ne ha diritto tra gli Stati Ue. Il Governo ha perso fin troppo tempo: è ora di agire».

Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Cambia lo Statuto del M5S. Una vera svolta, decisa lo

gasparri

“L’#Istat conferma che il #Pil crescerà al massimo dello 0.2%

E’ cambiato ed è cambiato in meglio, grazie anche al

re donne e tre uomini al tavolo della presidenza, su

Il lavoro non è solo un diritto, un dovere, un

deluca

“Se vogliamo convivere con il Covid tenendo aperte le attività

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.