In piazza a #Roma c’era molta #Puglia a dire #MaiPiùVitalizi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
86612087_2488055521435778_2775961822967103488_o

IERI  il #M5S a Roma era in piazza, a manifestare contro il ritorno dei vitalizi, un ODIOSO PRIVILEGIO della vecchia politica, che abbiamo eliminato appena siamo arrivati al Governo del Paese.

Purtroppo però, mentre noi lavoriamo seriamente ai problemi del lavoratori, della giustizia, dei poveri, della sanità e dei contribuenti, i partiti di destra e di sinistra lavorano a distruggerci e a distruggere anche quello che abbiamo fatto.

Ogni conquista è stata dura, perché al Governo della Nazione non possiamo stare da soli.
Un gruppetto di ex parlamentari dei vecchi partiti, con la complicità della Presidente del Senato di centrodestra, sta provando a ripristinare l’odioso privilegio.

Noi dalla Puglia siamo andati in tanti, consapevoli del potere che hanno i cittadini quando manifestano. Vogliamo che si vergognino profondamente per il loro sporco tentativo di sentirsi nuovamente al di sopra dei cittadini che rappresentano e che sono costretti ad accontentarsi di pensioni molto inferiori dopo decenni di lavoro.

#StopVitalizi #LaricchiaPresidente

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il ministro dell’Economia Gualtieri conferma che la manovra conterrà un

La violenza del popolo della Lega é due volte ingiustificabile,

Il ciclismo rimodula il suo calendario internazionale, e con la

E’ attivo il nuovo numero verde 800.000.500 del Centro unico

Egregio signor Ministro, questo decreto sicurezza bis non ci convince

LO STATO DI EMERGENZA, PER COME LO INTENDE LUI, SERVE

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.