ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

In provincia di Sondrio una casa protetta per le vittime di abusi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
sondrio

Si chiamerà “Casa fiori recisi”, l’ex asilo del comune di Cino che sarà ristrutturato per diventare centro di prima emergenza per donne e bambini vittime di violenza domestica.

L’iniziativa, sostenuta dal prefetto di Sondrio Salvatore Pasquariello, trae origine dalla volontà del signor Paolo Di Gregorio – presidente dell’Associazione italiana vittime della violenza e padre di Sonia Di Gregorio, brutalmente assassinata dal marito nel 2000 a Cino – di realizzare un progetto a favore delle donne che subiscono violenze e abusi. Iniziativa formalizzata con la firma della relativa convezione lo scorso 8 marzo fra il comune di Cino e l’Associazione nazionale vittime della violenza e simbolicamente controfirmata dal prefetto.

Il centro sarà in grado di ospitare dagli 8 ai 10 nuclei da proteggere e richiederà lo stanziamento di oltre 3 milioni euro. Le ospiti saranno seguite da figure professionali come psicologi, assistenti sociali e medici che agiranno per un pronto recupero delle vittime. Le stesse, superata la fase emergenziale, verranno poi ospitate in case protette per seguire un percorso di recupero mirato.

Il prefetto nel commentare l’iniziativa, ha sottolineato come «il disprezzo e l’odio verso il genere femminile debbano essere contrastati con tutti i mezzi».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ladri di biciclette, sorto nello spirito progressista che si era

Forza Italia perde pezzi in Parlamento. E sono pezzi grossi.

Visita dei vertici di Coldiretti Basilicata al comandante della Legione Carabinieri

finanza

Appalti pilotati per agevolare la ‘ndrangheta. Oltre 500 militari del

SPETTACOLI / Esplosiva copertina di MORGAN, pubblicata da MOW magazine:

La risposta del commissario uscente agli affari economici, Pierre Moscovici,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.