Incendi. M5S: “La Regione ha pesanti responsabilità, gravissima quella su Priolo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
incendio

Trizzino (Ars): Il governo Conte si sostituisce alla Regione potenziando i servizi di soccorso dei comandi dei Vigili del Fuoco e stipula una convenzione che avrebbe dovuto fare la Regione alla vigilia della stagione estiva.

“Nonostante il tentativo del presidente Musumeci di deresponsabilizzarsi sull’emergenza incendi, puntando il dito solo sui piromani, ci preme ricordare purtroppo che la Regione Siciliana ha pesanti responsabilità. E’ dovuto intervenire in queste ore infatti il governo Conte a disporre il potenziamento dei servizi di soccorso dei vari comandi regionali dei Vigili del Fuoco, sostituendosi di fatto alla convenzione che la Regione avrebbe dovuto stipulare ad inizio stagione estiva e che non ha invece rinnovato. Della convenzione dello scorso anno peraltro i nostri vigili non hanno visto un solo euro, dato che hanno lavorato e non sono ancora stati pagati perché la Regione non ha liquidato in tempo le somme. C’è poi la mancata riorganizzazione dei forestali che provoca il dimezzamento dei viali parafuoco in tutta la Sicilia e la flessione di oltre 700 postazioni operative in tutta la regione perché mancherebbero le somme in bilancio”. A dichiararlo sono i deputati regionali del Movimento 5 Stelle all’Ars, componenti della Commissione Ambiente Giampiero Trizzino, Stefania Campo, Nuccio Di Paola e Valentina Palmeri a proposito dell’emergenza incendi che ha investito in queste ore la Sicilia.

“Mentre la Sicilia brucia – spiega Giampiero Trizzino – Musumeci fa il gioco che gli riesce meglio, ovvero girarsi dall’altra parte. Ci arrivano decine di segnalazioni di operatori dei vigili del fuoco e altri attori del comparto che ci riferiscono di aver chiesto più volte, tramite le loro rappresentanze, di essere ricevuti dal presidente Musumeci per attuare il dispositivo di prevenzione,sicurezza e soccorso garantito dal corpo nazionale dei Vigili del Fuoco dato che alla vigilia della stagione estiva, era palesemente insufficiente. Ebbene, ad oggi quella che gli operatori hanno registrato e anche i cittadini che stanno facendo la conta dei danni, è la totale inazione del governo regionale. Prova ne sia purtroppo che lo stesso incendio che ha distrutto la riserva di Priolo è partito dal ciglio della strada dove, come dichiarato dallo stesso sindaco Pippo Gianni la Regione non aveva fatto il viale parafuoco. Abbiamo quindi la prova empirica dell’inazione della Regione Siciliana sul fronte incendi e prevenzione.

“Musumeci – prosegue il capogruppo Francesco Cappello – non nasconda le proprie inadempienze dietro ai piromani. Al presidente – dice il deputato – ricordiamo che solo qualche anno fa in circostanze simili definiva un alibi quello dei piromani, salvo rifugiarcisi oggi per sottrarsi alle sue colpe. A Musumeci ricordiamo anche che quando era ancora tra i banchi dell’opposizione tuonava contro la Protezione civile, che definiva un guscio vuoto. Ci dica se e come lo ha riempito questo guscio, ora che spetta a lui agire, visto che è al governo, anche se, per la verità, non è che abbiamo fatto molto per farlo vedere ai siciliani” – conclude Cappello.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Pianificazione tridimensionale dell’intervento chirurgico, valutazione della funzionalità del fegato affetto

“Gli interventi programmati dal non-Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano

INATTUATE LE DIFFIDE INVIATE DALL’ASSOCIAZIONE FIN DAL 2015 PER APPLICARE

“La stagione balneare è iniziata, e le luci dei riflettori

E’ salito a 22 morti il bilancio delle vittime della

“Vedo che si è aperto un dibattito nel Pd sulla

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.