India, elefantessa uccisa con un ananas ripieno di petardi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
elefante

L’elefantessa era incinta quando ha mangiato l’ananas contenente i petardi. Con bocca e lingua distrutte dall’esplosione è morta nel fiume, dove si è rifugiata per cercare sollievo

Un’elefantessa incinta è morta dopo “aver mangiato un ananas imbottito di petardi”. La denuncia arriva dalle autorità locali e le immagini strazianti, dell’animale in fin di vita mentre cerca sollievo in un fiume, stanno facendo il giro del mondo sollevando l’indignazione generale. “Scusa sorella. Con la bocca e la lingua distrutte dall’esplosione, camminava affamata senza riuscire a mangiare. Ma forse essere stata più preoccupata per la salute del cucciolo dentro di sé che per la sua fame”: così su Facebook Mohan Krishnan, che ha assistito alla morte dell’elefante e scattato le foto. Secondo i media sarebbero in corso le indagini per accertare l’accaduto ed individuare i responsabili.

Secondo le autorità l’incidente è avvenuto il 23 maggio nel distretto di Palakkad, nello stato del Kerala, nell’India meridionale, vicino a terreni agricoli dove altre volte contadini hanno usato il metodo di imbottire la frutta con i petardi per tenere lontani gli elefanti e altri animali selvatici dai raccolti. I responsabili potrebbero essere accusati di crudeltà verso gli animali per cui sono previste sia multe che pene più severe.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il Mes (Esm nell’acronimo inglese che abbrevia European Stability Mechanism)

Lo suggeriscano tutti i principali indicatori che si guardano in

CGIL CISL UIL esprimono grande preoccupazione per l’attuale situazione di

Sulla spaccatura all’interno del gruppo parlamentare M5S all’Ars è doveroso

Teatro Imperiale “In nome del Papa Re” sabato 12 e

La saga delle sardine continua. E più continua, più si

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.