Influenza, in 642mila già colpiti, il virus è in anticipo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
salute

Lo scorso anno aveva colpito, nello stesso periodo, 505mila italiani
Sono 642mila i cittadini costretti a letto a causa dell’influenza da quando il virus è in circolazione in Italia, arrivato in anticipo. Nello stesso periodo del 2018 aveva colpito 505mila persone. Nell’ultima settimana di rilevazione (18-24 novembre), i nuovi casi ammontano a 167.000. Il livello di incidenza del virus in Italia è pari a 2,76 casi per mille assistiti. Le regioni più colpite sono Sicilia, Lombardia, Piemonte, Toscana ed Emilia-Romagna. In totale potrebbero essere oltre 7 milioni gli italiani colpiti dall’influenza nell’intera stagione 2019-2020. E’ quanto emerge dal 36esimo Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie, in corso a Firenze. “La campagna di vaccinazione anti influenzale sta andando bene, anche se è iniziata un po’ in ritardo. A differenza dello scorso anno, non abbiamo registrato criticità nella distribuzione delle scorte di vaccini e la copertura si preannuncia buona”, spiega Claudio Cricelli, presidente Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Indagine Federmoda: le vendite a prezzi scontati sono pressoché stabili

MOLTI, troppi italiani hanno fiducia in personaggi come Salvini, Meloni

Nella serata di venerdì 24 Maggio, si è tenuta la

CODACONS: BENE AUMENTO FIDUCIA, MA ATTENZIONE AI FUOCHI DI PAGLIA.

Cesenatico : Sono stati presentati oggi, al Grand Hotel di

Le aggressioni e i casi di violenza ai danni del

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.