ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Inps: oltre 100.000 domande per reddito d’emergenza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
inps

Le domande di reddito di emergenza presentate all’Inps fino a ieri sono oltre 100.000. L’Istituto di Previdenza nazionale fa sapere in una nota che delle 100.258 domande ricevute dall’istituto 63.140 sono arrivate direttamente dai cittadini e 37.118 dai patronati. Molto alta la domanda per quanto riguarda i lavoratori domestici. Sono 44.266 le domande presentate da colf e badanti per avere l’indennità/bonus di 500 euro al mese per aprile e maggio così come previsto con il decreto legge n. 34/2020, articolo 85. Delle domande 29.659 son arrivate direttamente dai cittadini e 14.607 tramite i patronati.

L’Inps rileva, inoltre, che la percentuale di trasmissione delle domande da parte dei Patronati è in costante aumento, grazie alla graduale estensione della cooperazione applicativa che consente la trasmissione massiva delle domande.

In merito al bonus baby sitter l’Inps spiega che questo potrà essere utilizzato anche per pagare i centri estivi. In una nota l’istituto informa che sta implementando le procedure telematiche per l’adeguamento delle norme in materia di bonus baby sitter dopo che il decreto rilancio ha previsto l’incremento dell’importo complessivo della misura da 600 a 1.200 euro (per chi chiaramente non lo ha già utilizzato). L’ importo complessivo massimo – sottolinea l’inps – è “pari a 1.200 euro per i lavoratori dipendenti del settore privato nonché per i lavoratori iscritti in via esclusiva alla gestione separata, per i lavoratori autonomi iscritti all’Inps e alle casse professionali”.

Per i comparti sicurezza, difesa e soccorso pubblico e per il settore sanitario, pubblico e privato accreditato, evidenzia, “il limite massimo è stato invece aumentato a 2.000 euro”. Il decreto rilancio, prosegue il messaggio, “ha previsto inoltre che il bonus, in alternativa, possa essere erogato direttamente al richiedente, per la comprovata iscrizione ai centri estivi, ai servizi integrativi per l’infanzia (indicati nell’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65), ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

dalema

“La Cina ha pagato un prezzo e ha fatto pagare

baldino

A un primo esame la bozza del decreto per il

Nasce in Progetto Manifattura a Rovereto un mini hub dell’economia

Legambiente: “L’orso non va abbattuto. Decisione della provincia autonoma illegittima

Storico crollo del 38,3% delle esportazioni Made in Italy in

Sul numero dei parlamentari ne avete sempre parlato male: troppi

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.