IRAN-USA E L’ODORE DELLA GUERRA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
70882041_2353524561630855_7974388310158082048_n

L’odore della guerra è sempre disgustoso. Non esistono guerre che non portino sofferenza, dolore, morte, distruzione.

E lo sappiamo, lo sappiamo fin troppo bene… In questi giorni attorno all’attacco delle installazione petrolifere saudite si sono sentite le più svariate valutazioni e prese di posizione. Quella che sicuramente è pesata come un macigno è quella del segretario di Stato Usa Mike Pompeo, che ha dichiarato: “l’attacco al petrolio da parte dell’Iran è un atto di guerra”. Eppure questo film si è già visto, troppe volte…

L’escalation di una situazione precaria, la necessità di una giustificazione, l’attacco, la guerra. Ovviamente mai combattuta nel proprio paese, ma in paesi altrui dove gli interessi sono alti e dove a rimetterci sono sempre gli stessi: i civili, uomini, donne, bambini, che rischiano di perdere la loro casa, i loro cari, la loro vita.
E tutto questo perche? Perche qualcuno ha deciso che la via del dialogo, del confronto, della cooperazione non era la via giusta da intraprendere, ma meglio quella dell’affronto, dell’attacco, della distruzione… Per poi magari proporsi alla fine del massacro di “ricostruire”.

Il problema è che mentre una casa si può costruire, una civiltà ne rimane ferita a vita.

Yana Ehm
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Con statistiche e percentuali c’è sempre il rischio di fare

Fase 3: Biraghi riapre il negozio in piazza San Carlo

Angelo Maggio: “Importante risultato, ma ora si dia avvio a

Bebe Vio trionfa ancora nella Coppa del mondo di scherma

Domenica sarà la volta degli esordienti B. Soddisfazione dei coach

“Fondamentale”, spiegano gli esperti, “per cautelarsi in un momento di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.