ISRAELE/PALESTINA: STOP ALLA COSTRUZIONE DI UNITÀ ABITATIVE A GERUSALEMME EST

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
israele

La costruzione di 1.257 unità abitative a Gerusalemme est è da contrastare senza se e senza ma, e ringrazio la Farnesina per aver espresso, a tal riguardo, una posizione di chiara condanna.

Non posso che contestare con fermezza il gesto del vicesindaco Arie King, nell’aver voluto ieri ostacolare la visita a Givat Hamatos di una delegazione dell’Unione Europea, composta da 14 paesi dell’UE e dalla Norvegia, insultati e definiti “antisemiti” e “supporter di terrore”.
Presentato nel 2012, il progetto è stato rinviato innumerevoli volte in questi 8 anni proprio perché non vi è dubbio: gli insediamenti sono illegali e la decisione arbitraria di Israele non fa che ostacolare il difficile processo di pace per la costituzione di due Stati che noi tutti auspichiamo per quella terra.

Mi auguro infine, in sintonia con la nota pubblicata nelle scorse ore dalla Farnesina, che la decisione, unilaterale, venga revocata quanto prima, per la pace e l’equilibrio di migliaia di persone innocenti: palestinesi ed israeliani

Yana Ehm
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

«Abbiamo accolto positivamente la notizia dell’arrivo fino a Reggio Calabria

Un’esplosione è stata avvertita anche a Erbil dove sono di

GENOVA – “Non c’era stato alcun pericolo fino a quel

Trieste – “La spinta al cambiamento impressa dalle elezioni europee

Generale Camporini, che ruolo sta giocando l’Italia nella “partita libica”,

Leggo che in queste ora una trasmissione televisiva di un’emittente

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.