Israele torna in lockdown

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
119567059_2676213112695330_695877522835227361_o

Ed è il primo paese a farlo per la seconda volta, a pochi giorni dal Capodanno ebraico e dal Yom Kippur. Nuova chiusura che bloccherà di nuovo il paese 21 giorni, a partire da questo venerdi, 18 settembre. Tre settimane che sarebbero state di festeggiamenti, pranzi e assembramenti, in quello che ad oggi è il primo Paese al mondo per numero di nuovi contagi ogni milione di abitanti, con circa 4000 positivi al giorno. Le conseguenze sull’economia israeliana potrebbero essere devastanti.
La decisione di Netanyahu ha creato una nuova spaccatura del Governo israeliano, già in litigio su tutto e che non si è mai potuto definire veramente stabile sin dalla sua composizione.
Proprio in questi giorni a presentare le dimissioni è stato il ministro dell’Edilizia Yakov Litzman, esponente di uno dei partiti religiosi che formano la coalizione di governo, contrario al lockdown durante il periodo delle festività e più favorevole alla sua applicazione durante lo scorso mese di agosto. Litzman non è il solo ad essere molto scettico: il ministero del Tesoro, insieme a quelli della Scienza, Turismo, Economica e Welfare, stima che questa nuova chiusura totale potrebbe implicare perdite di 1,2 miliardi di euro a settimana.
I pareri politici sono quindi molto contrastanti, così come lo sono anche quelli medici.

E tutto questo accade mentre in queste settimane migliaia di cittadini israeliani sono scesi in piazza per protestare duramente contro Netanyahu ed il governo attuale, ma soprattutto mentre ci si prepara alla firma, martedì mattina a Washington, della firma del patto di normalizzazione dei rapporti con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein, un patto tanto elogiato sul fronte israelo-americano, ma che ha ugualmente mostrato che non vi è interesse a passi concreti in avanti verso una vera pace, ma piuttosto per legittimare le proprie azioni e rafforzare il proprio consenso elettorale.

Insomma, un momento di forte tensione per un Paese che forse non si aspettava di dover gestire questa doppia crisi, sanitaria e politica. O forse si, dato che per Bibi “siamo alla soglia di una nuova era”.

Yana Ehm
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Nasce lo Spazio Huntington per i bambini e le famiglie

Mentre nel governo si continua a discutere dei modi effettivi

Lunedì 20 gennaio alle 17 ritorna l’appuntamento con “Nati per

« vero, dobbiamo ricostruire un nostro popolo prima mettiamo giù

“In tutto il mondo uomini e donne migranti affrontano viaggi

Con gli ultimi esami orali completati ieri a Coverciano, è

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.