Istat: Disoccupazione in calo e stabilizzazione contratti effetti positivi del Decreto Dignità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
istat

Nel terzo trimestre del 2019 la disoccupazione scende al 9,8% secondo i dati Istat. È una tendenza positiva che va avanti da mesi e che ha fatto scendere il numero dei disoccupati in maniera considerevole mese dopo mese. Inoltre, a fronte di un numero di occupati sostanzialmente stabile in questo trimestre, ma in aumento di 151mila unità su base annua, abbiamo un aumento dei dipendenti permanenti, un forte calo dei precari e un aumento delle ore lavorate: è il segno che le nostre politiche del Lavoro, in particolare il Decreto Dignità, continuano a far riscontrare effetti positivi.

Molto positiva anche la diminuzione del numero degli inattivi nella fascia di età tra i 15 e i 64 anni. In un anno si registrano 199mila persone in più che hanno trovato lavoro. L’impiego viene in media mantenuto più a lungo proprio per effetto della stabilizzazione dei contratti, in particolare tra le donne e i giovani, a causa delle trasformazioni a tempo indeterminato.
Sono tutti dati ben auguranti per un mondo del lavoro che aveva bisogno di essere riformato con l’introduzione di maggiori tutele e di una maggiore stabilità per agevolare tutti coloro che hanno diritto a immaginare il loro futuro lavorativo e familiare qui in Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Leggendo attentamente il testo dell’accordo, il gioco non sembra riuscito

CROLLO PONTE, CODACONS: TRAGEDIA SFIORATA, ARRESTO PER TECNICI CHE AVEVANO

UNDICI COLTELLATE. Continuano ad emergere dettagli importanti dall’’inchiesta sull’omicidio del

Come ogni anno le compagnie telefoniche approfittano del periodo estivo

Senatore Renzi, con l’emergenza coronavirus rischiamo l’isolamento nel mondo? «Intanto

Stiamo vivendo uno degli inverni più caldi da trent’anni a

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.