Italia sul podio in Europa per longevità ma crollano le nascite

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
anziani

In 10 anni nel Paese gli over 65 hanno registrato una crescita di 1,8 milioni: un dato che colloca l’Italia sul podio Ue per presenza di longevi con il 22,8% di anziani, seguita da Grecia (21,9%), Portogallo (21,7%), Finlandia (21,6%) e Germania (21,5%). A fare il punto sulla “Silver economy” è il primo Rapporto Censis – Tender Capital che certifica anche il dato negativo per i giovani under 35 di -1,5mln in 10 anni. “Preoccupante” anche il calo delle nascite che registra un vero e proprio crollo con il -23,7%.

Il 20,7% degli anziani, oltre 2,8 milioni di persone, non sono autosufficienti e questa situazione costituisce un rischio che cresce con l’avanzare dell’età: supera il 40% di incidenza oltre gli ottant’anni. Un problema che pone “elevati fabbisogni assistenziali” coperti fino ad oggi, si legge nel Rapporto, soprattutto dalle famiglie, che garantiscono assistenza diretta in almeno 7 casi su 10 e dalle badanti, circa 1 milione, con una spesa per le famiglie stimata in circa 9 miliardi di euro.

Il modello italiano di welfare familiare e privato a copertura delle esigenze di assistenza degli anziani non autosufficienti inizia “a mostrare segni di cedimento”, troppa pressione sulle famiglie, troppi gli esclusi: circa 1 milione di anziani hanno gravi limitazioni funzionali e non beneficia di assistenza sanitaria domiciliare. “Oltre 2,7 milioni vivono in abitazioni non adeguate alla condizione di ridotta mobilità. Dati che allarmano, anche perché non bastano i 12,4 miliardi di spesa pubblica per l’assistenza a lungo termine, di cui 2,4 miliardi finalizzati alle cure domiciliari, pari al 10,8% della spesa sanitaria complessiva, comunque inferiore al dato Ue del 15,4%”, si legge nel Rapporto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Rimane ampio anche se il trend si mostra in calo

Settima vittoria in fila per la Lazio. Prima sconfitta per

Grazie alla varietà, la qualità e l’accessibilità dei relitti lungo

«È irritante vedere Luigi Di Maio, che almeno ha imparato

Dopo le elezioni in Emilia Romagna l’orizzonte politico è fosco

Alla fine i Compagni di Banco ce l’hanno fatta. Come

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.