ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

La California dispone un sussidio di 500 dollari per gli immigrati irregolari

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
california..

Gli immigrati irregolari in California possono presentare domanda per ricevere 500 dollari di aiuto durante l’emergenza coronavirus forniti dallo stato a partire da maggio. Lo ha annunciato il governatore della California, il democratico Gavin Newsom.

Gli immigrati irregolari erano stati esclusi dall’assistenza federale fornita dalla legge CARES approvata dal Congresso. Circa 150.000 persone potranno beneficiare del sussidio.

“Ogni californiano, compresi i nostri vicini e amici senza documenti, sappia che la California è qui per sostenerli durante questa crisi”, ha detto Newsom.

In Europa, le misure di sostegno ai lavoratori irregolari sono oggetto di dibattito ma senza alcun provvedimento concreto, ad eccezione del Portogallo che ha riconosciuto dei permessi di soggiorno temporanei per i braccianti irregolari per tutta la durata dell’emergenza sanitaria. In Italia, la Federazione dei lavoratori dell’industria alimentare (Flai) ha chiesto la regolarizzazione dei lavoratori immigrati irregolari.

Fortebraccio News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sindacati e Rsu: la proprietà dimostri con azioni concrete le

Maria Chiara Carrozza è il nuovo presidente del Cnr: sarà

Il Libano è ufficialmente in default per la prima volta

Festa della Mamma EsserBella lancia il nuovo contest online #BeautifulMOMents

Nell’ultimo anno in Trentino ci sono stati 222 attacchi da

“Non ci arrenderemo mai a nessuno dei nostri avversari, difenderemo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.