La Commissione Europea grazia il Governo giallo-verde

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
-brunetta-ape10-1

E rinuncia, almeno fino alla prossima Legge di Bilancio, ad aprire una procedura d’infrazione per debito eccessivo contro il nostro Paese. I commissari europei hanno ritenuto, infatti, sufficiente la correzione dei conti per il 2019 fatta dal Tesoro di 7,6 miliardi, con il congelamento di 1,5 miliardi di euro per le spese relative alle due misure bandiera del Governo, quota 100 e reddito di cittadinanza. Una misura che è frutto di un vero e proprio diktat di Bruxelles fatto al ministro dell’Economia Giovanni Tria negli ultimi vertici europei.
Probabile che nella decisione abbia anche pesato l’atteggiamento del tutto passivo giocato dall’Italia sulla questione delle nomine comunitarie, con nessun nome italiano sponsorizzato dal primo ministro Giuseppe Conte. Una subalternità allo strapotere franco-tedesco, alla faccia del sovranismo, che evidentemente ha fatto raggiungere a Conte il suo misero obiettivo di ottenere un piccolo sconto sulla manovra correttiva, mentre Francia e Germania si spartivano l’Europa. Eppure, non è detto che la partita sia finita, dal momento che nulla è dato sapere sugli impegni presi dall’Italia sul 2020, per il quale è pronta una manovra monstre da 40-50 miliardi di euro, considerando le risorse necessarie per smantellare le clausole di salvaguardia sull’Iva, la flat tax e altre misure annunciate. Sempre che non si tratti della solita propaganda di questo Governo, sempre pronto a fare proclami e inveire contro le istituzioni europee, salvo poi abiurare a tutto non appena si avvicinano le scadenze e l’Europa minaccia azioni di rappresaglia.
La miglior dimostrazione che non serve formalizzare la procedura d’infrazione per commissariare il nostro Paese: de facto, il commissariamento, ovvero la perdita di sovranità decisionale sui temi economici, è già in atto. Anche i saldi della prossima manovra finanziaria verranno decisi a Bruxelles, non a Roma.

Forza Italia Forza Italia Camera dei deputati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

C’è chi dice che cercano soprattutto le persone con il

Nel caso della sperimentazione sui macachi all’Università di Torino, l’autorizzazione

“A nome mio personale e di tutta la segreteria regionale

Dopo aver scatenato la crisi contro il proprio Governo presentando

“La questione delle #pari #opportunità deve attraversare tutti gli ambiti

FONDAZIONE BARILLA: “BATTAGLIA DI GRETA SIA DI TUTTI! SALVIAMO IL

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.