La creazione della House of Burgesses

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
67372414_10156744120997933_1187863954072797184_n

Per ricordare l’importanza della libertà di assemblea, riconosciuta dal primo emendamento della Costituzione degli #USA, vi parliamo oggi della House of Burgesses, la prima assemblea legislativa nel Nuovo Mondo, riunitasi per la prima volta nel 1619 a Jamestown, in Virginia, nel coro di una chiesa locale.

All’inizio di quell’anno la London Company, fondatrice della colonia, ordinò al governatore della Virginia Sir George Yeardley di convocare una “Assemblea Generale” eletta dai coloni, con il voto di ogni maschio adulto libero. I 22 rappresentanti degli 11 distretti di Jamestown nominarono il Maestro John Pory relatore dell’assemblea, che assunse il nome di House of Burgesses e venne convocata per la prima volta il 30 luglio dello stesso anno.

Tutte le sue leggi dovevano essere approvate dalla London Company. La prima di queste richiedeva che il tabacco venisse venduto per almeno tre scellini per libbra. Altre leggi approvate includevano divieti contro il gioco d’azzardo, l’ubriachezza e l’ozio e una misura che rendeva obbligatoria l’osservanza del giorno di riposo.

La creazione della House of Burgesses, insieme ad altre misure progressive, rese Sir George Yeardley eccezionalmente popolare tra i coloni, arrivando poi a servire due mandati come governatore della Virginia.

#FreedomJuly

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il delirio di Saviano “Liliana Segre finisce sotto scorta –

M5S D’ACCORDO, DURA CONTESTAZIONE OPPOSIZIONI CENTROSINISTRA Fratelli d’Italia presenta una

Potere al popolo dice NO all’autonomia differenziata e PROPONE un

Le installazioni di Liu Rouwang rappresentano la ribellione della natura

Nei giorni scorsi i soci Mensa di Trieste si sono

L’Asst dei Sette Laghi ha avviato “una sperimentazione che prevede

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.