LA FACCIA DISUMANA DEL CAPITALISMO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
66532893_1243405812485936_619033425919082496_n

Accade a Livorno, precisamente alla TDT. Un lavoratore sottoposto a cure oncologiche viene licenziato perché supera il limite delle assenze per malattia previste. La vigliaccheria e la prepotenza disumana del capitalismo non conosce ostacoli e mostra i muscoli con i lavoratori in ogni occasione, anche nelle situazioni più impensabili. La disgregazione della classe operaia e la lunga assenza di un forte partito di classe purtroppo oggi ha portato a tutto questo.

La classe operaia torni unita a lottare per propri i diritti, per respingere ogni attacco del capitale che sta cancellando sempre di più anni di conquiste sociali per riportare il lavoro alle condizioni di schiavitù ottocentesche, grazie alla compiacenza di alcuni sindacati, di una sinistra inconcludente e anche di una destra populista, che mentre stordisce le masse con lo spauracchio degli immigrati, non fa certo di meglio; due facce della stessa medaglia alle quali purtroppo oggi, anche molti operai, credono.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Domenica le urne hanno indirizzato a noi Democratici un messaggio

PORDENONE – Non solo ospitalità di prestigio ma progetti pensati

Ripartire dal mare si può e si deve fare, soprattutto

E l’ennesimo cambio ai vertici dell’Ama è solo la dimostrazione

C’è in Italia un partito dell’evasione fiscale. Un partito forte

Tutela del prodotto e della filiera locale. Maggiori garanzie per

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.