La fotografia della Germania in uno studio di ricerca economico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
poverta

Una classe di ricchissimi che si sono arricchiti grazie ai giochi della finanza e alle regole che li tutelano, a scapito di una enorme massa di poveri che diventano progressivamente più poveri.

E stiamo parlando del Paese europeo “top” con occupazione elevata, con produzione industriale solida e che si è sempre avvantaggiato moltissimo e a senso unico del sistema euro (e non solo) per le esportazioni, a scapito di tutto e di tutti. Nel microcosmo tedesco si riproduce ovviamente il macrocosmo europeo, con le medesime dinamiche: perchè il dominio esercitato sui Paesi UE attraverso le istituzioni europee è della Germania.

L’Italia fa parte dei Paesi poveri che saranno resi ancora più poveri all’interno del macrocosmo, per mantenere inalterati i privilegi del Paesi ricchi (quelli del nord) nonché della sua classe dirigente interna, che manterrà la sua posizione privilegiata soltanto avallando e sostenendo le regole del sistema. In Italia dal 2008 al 2018 in Italia sono triplicati i poveri assoluti e abbiamo 16 milioni di persone sulla soglia di povertà, senza contare che gli stipendi medi sono molto vicini a quella soglia, stiamo perdendo la produzione industriale e abbiamo una emigrazione da dopoguerra.

Dicano quello che vogliono i nostri illuminati Gattopardi, sempre pronti a rassicurarci e a dirci che va tutto bene, osannando il sistema: la situazione e i dati sono questi. E siccome ai Paesi ricchi ora serve un puntello, sapranno dove andare a trovare i soldi.”
nota di Cinzia Gamba

DUE FATTORI SPIEGANO IL DIVARIO PIÙ AMPIO
Sono due i fattori principali, secondo i ricercatori, che hanno contribuito all’aumento della disuguaglianza negli ultimi anni: le persone ad alto reddito hanno tratto maggiore beneficio dai profitti aziendali e dai rialzi delle azioni in Borsa, «mentre la stragrande maggioranza delle famiglie in Germania è rimasta indietro». Il 40% delle famiglie con i redditi più bassi non è riuscito a tenere il passo con l’aumento della ricchezza delle famiglie più benestanti. Secondo il rapporto – che tiene conto del mercato del lavoro con una disoccupazione ai minimi storici e un’occupazione piena, della crescita economica dal 2010 e degli aumenti salariali – il reddito disponibile è salito per il ceto medio ma non per i più poveri, con grandi disparità di trattamento tra chi percepisce regolarmente lo stipendio e chi no.

RICCHI PIÙ RICCHI
La stampa tedesca cita anche un recente studio dell’Istituto tedesco di ricerca economica DIW secondo il quale la ricchezza in Germania è distribuita in modo molto disomogeneo: l’1% dei tedeschi più ricchi ha quasi un quinto del patrimonio netto nazionale, il 10% ha il 56 per cento. Il 50% della popolazione è il ceto più povero, circa 40 milioni di persone. Tuttavia secondo DIW la disuguaglianza di ricchezza non è aumentata negli ultimi dieci anni in Germania.

Il settore delle retribuzioni molto basse continua ad essere molto ampio, mentre i super ricchi hanno tratto più beneficio dal boom della Borsa, dall’impennata dei prezzi nel mercato immobiliare, dagli alti profitti aziendali.

fonte: https://cutt.ly/Je29et6

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Da qui al 20 ne vedremo delle belle. Ormai c’è

A conti fatti l’amministrazione di Cavallino, che secondo il TAR

È aperta a tutti i ciclisti la nuova pista su

Saranno le sardine di piazza Maggiore ma dopo avere visto

E’ solo un’ ipotesi al momento, ma se si tramutasse

Da Lunedì 8 Luglio, come disposto in sede di Comitato

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.