La gestione della crisi #Whirlpool da parte del Movimento 5 Stelle è stata fino ad ora drammatica

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
carfagna

La gestione della crisi #Whirlpool da parte del Movimento 5 Stelle è stata fino ad ora drammatica, da veri e pericolosi incompetenti.
Oggi, si discute della cessione del ramo d’azienda e del subentro di un’altra società nello stabilimento di #Napoli, mentre a ottobre dell’anno scorso Di Maio parlava di “zero esuberi e un ritorno delle produzioni dalla Polonia all’Italia” e si riempiva la bocca (o la bacheca Facebook) con un altisonante “RILOCALIZZIAMO, che bella parola”.
Invece, gli oltre 400 lavoratori della ormai tristemente ex Whirlpool di Napoli, i quasi 1000 dell’indotto e le famiglie degli uni e degli altri, devono sperare che la vendita dello stabilimento alla PRS non si riveli una svendita. Il Governo deve pretendere un impegno solido e ben definito dalla nuova proprietà.
Se Di Maio ha sacrificato quelle famiglie per qualche like in più, bisogna impedire a Patuanelli di avere tentazioni simili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Nel Decreto Sicurezza bis, approvato dal Consiglio dei Ministri, ci

Questa mattina il gruppo Mare della Polizia Locale di Roma

La prima vendemmia sulle colline riconosciute dall’Unesco festeggia l’aumento del

Tutto molto politicamente corretto, tutto molto inclusivo. «I cittadini musulmani

Ieri in #Senato abbiamo presentato una mozione, a mia prima

San Gennaro santo degli immigrati. Roberto Saviano la spara grossa

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.