La Giornata internazionale contro la violenza alle donne resta simbolicamente in programma

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
violenza-

L’Assessorato della Sanità, Salute e Politiche sociali comunica che anche quest’anno è stato ritenuto opportuno mantenere simbolicamente la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, in programma il 25 novembre, necessariamente rimodulata ai sensi delle disposizioni correlate all’emergenza COVID-19, con l’auspicio che l’evento possa nuovamente concretizzarsi con iniziative in presenza il 25 novembre 2021.
La Regione riconosce la violenza contro le persone in ragione della loro identità di genere quale violazione dei diritti umani e ne condanna ogni forma, sia essa diretta o indiretta.

In tal senso l’Amministrazione regionale orienta da sempre la propria azione verso iniziative di carattere preventivo, interventi a contrasto del fenomeno e azioni volte alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica. L’investimento in termini di risorse ed energie, diffuso sul territorio, è volto ad incentivare risposte partecipate, sinergiche e corresponsabili in grado di generare una cultura e una sensibilità pervasiva in tutto il tessuto sociale.

La realizzazione di protocolli operativi e di tavoli di confronto con le agenzie segnalanti – tra le quali AUSL e le Forze dell’ordine – ha permesso la definizione di risposte sempre più efficaci mentre il sostegno e la protezione alle donne vittime di violenza e ai figli minori sono assicurati dalla casa rifugio e dal Centro donne antiviolenza.

In un’ottica di prevenzione del fenomeno l’Amministrazione regionale pone particolare attenzione alle giovani generazioni. Con i bandi di finanziamento dei progetti antiviolenza, di prevenzione e di informazione contro la violenza di genere, approvati dalla Giunta regionale per le annualità 2019/2020 e 2020/2021, i giovani sono stati invitati a riflettere sulle manifestazioni d’odio agite quotidianamente nei confronti delle donne, attraverso i social network, con offese sessiste, esposizione di immagini private e persecuzioni on-line.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Secondo l’US Geological Survey, la Bolivia possiede il più grande

“La tradizione di un popolo, di un luogo, di un

I giornali di oggi parlano di un aumento delle bollette.

I governi passano, la Costituzione resta. Dall’Anpi alle sardine, da

FIRENZE – Ammonta a 1 milione e 55mila euro lo

marcozzi

“Anche in occasione della seduta della Commissione regionale d’Inchiesta sul

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.