ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

La Notte dei Ricercatori 2019 a Trento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
_MG_7733_imagefullwide

In contemporanea europea, venerdì 27 settembre, è in programma l’edizione 2019 della Notte dei Ricercatori, occasione speciale per immergersi nel mondo della scienza, incontrarne i protagonisti, porre loro direttamente delle domande e divertirsi a ogni età con esperimenti, dimostrazioni e spettacoli.
A Trento l’evento è organizzato dalla Fondazione Bruno Kessler, la Fondazione Edmund Mach, l’Università di Trento, e il MUSE – Museo delle Scienze, in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento e con il patrocinio del Comune di Trento.

Il ricco programma delle iniziative prenderà il via a partire dalle ore 17.00 presso la sede del MUSE e nel quartiere “Le Albere” di Trento.
Dopo i saluti istituzionali (nel parco del MUSE) bambini e adulti potranno partecipare alle diverse attività che, ad eccezione delle cene (su prenotazione), saranno gratuite per tutti.
Dalle 17.30 alle 24.00, nelle sale espositive del MUSE, saranno a disposizione oltre 40 stand scientifici per sperimentare, giocare, assistere a piccole dimostrazioni e dialogare direttamente con i ricercatori e le ricercatrici. Un mordi e fuggi per scoprire quanto è variegato il mondo della ricerca.

I visitatori tra i 6 e i 12 anni potranno anche sfidarsi in una “Caccia alla scienza: chi RIcerca trova!”, in programma dalle 17.30 alle 21.00. Basterà richiedere al punto informativo (presso la Lobby del MUSE) le istruzioni e iniziare il gioco. La sfida consisterà nel trovare i ricercatori e le ricercatrici nel quartiere Le Albere, raccogliere gli indizi, risolvere gli enigmi e scoprire la frase che permetterà di ottenere il premio.

Novità dell’edizione di quest’anno anche un quiz e uno speed date con i protagonisti del mondo della ricerca.

“La ricerca è tutto un quiz” è in programmadalle 18.00 alle 22.00, sulla terrazza del MUSE Café. Il format prevede 20 minuti, un tema, 4 domande e un solo vincitore. I partecipanti si sfideranno via smartphone e potranno controllare in tempo reale la correttezza delle proprie risposte. I ricercatori e le ricercatrici saranno a disposizione per tutte le spiegazioni e alla fine decreteranno il concorrente migliore.

Nei bar del quartiere Le Albere, dalle 18.30 alle 21.30, si potrà partecipare a un incontro a tu per tu con chi fa ricerca. Con gli “Speed date” ognuno avrà di volta in volta dieci minuti di tempo per chiedere al ricercatore o alla ricercatrice ciò che vorrebbe sapere. Un segnale sonoro avviserà del tempo scaduto e, come in un vero speed date, si dovrà cambiare interlocutore e pensare a nuove curiosità.

Chi desidera condividere con i ricercatori e le ricercatrici una cena a base di scienza nel Palazzo delle Albere e porre loro le proprie domande può prenotare uno dei posti disponibili sul sito https://event.unitn.it/nottedeiricercatori2019/ (al costo di 15 euro).

Ospite d’onore della Notte dei Ricercatori 2019 sarà Lucia Votano, fisica e direttrice di ricerca all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Alle 22.30, sulla terrazza del MUSE Café, in dialogo con il comunicatore scientifico Matteo Serra, sarà accompagnata dai suoni e dalle immagini di “Les Jeux Sont Funk feat. Alberto Brodesco” per lo spettacolo finale all’insegna della sinergia tra scienza, arte e musica.

Durante la serata, per orientarsi fra le innumerevoli proposte, i visitatori potranno anche seguire un percorso a scelta grazie ai simboli di diverso colore che corrispondono ai 17 obiettivi di sviluppo sostenibile contenuti nell’Agenda 2030 dell’Onu: salute e benessere, istruzione di qualità, parità di genere, lavoro dignitoso, crescita economica, solo per citarne alcuni.

Tutte le informazioni sulla Notte dei Ricercatori 2019 a Trento sono disponibili sul sito: https://event.unitn.it/nottedeiricercatori2019/

Il Comitato scientifico è composto da: Adolfo Villafiorita (ricercatore, Fondazione Bruno Kessler), Emanuele Eccel (tecnologo, Fondazione Edmund Mach), Alessandro Quattrone (professore ordinario, Università di Trento), Massimo Bernardi (conservatore, MUSE).

L’iniziativa è realizzata anche con il contributo dei ricercatori Post-Doc del Bando “I comunicatori STAR della scienza” della Provincia autonoma di Trento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

VITTORIA DEI CONSUMATORI, MA ORA MAGGIORI COSTI PER RICARICHE TELEFONICHE

“Ieri con la collega Erica Mazzetti abbiamo incontrato i vertici

La Festa del Redentore è tra le festività più sinceramente

Giovedì 18 marzo 2021, alla presenza di Mario Draghi e

Erano in “una madrasa” ovvero una scuola coranica, a studiare,

GENOVA – La capogruppo del Movimento 5 Stelle nel Consiglio

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.