ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

La Polizia di Stato perquisisce “il Mastino”. Denunciati 11 militanti di Casapound Italia – Blocco Studentesco

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
notizie in un click

Nella mattinata odierna, gli uomini della Digos scaligera hanno perquisito “Il Mastino”, locale sito in Via Nicola Mazza n. 61, considerato sede “operativa” della sezione scaligera di “Casapound Italia – Blocco Studentesco”.
Il decreto di perquisizione disposto dalla Procura presso il Tribunale di Verona scaturisce da un’attività d’indagine nata a seguito di un episodio avvenuto la sera del 2 dicembre 2020.
In quell’occasione, intorno alle 20:00, venne segnalata una lite animata tra una ventina di giovani intenti ad azzuffarsi e lanciarsi bottiglie di vetro e sampietrini in Piazza Santa Toscana, nel quartiere “Veronetta”.
All’arrivo delle volanti, i giovani si disperdevano nelle vie limitrofe in diverse direzioni e, nella circostanza, dopo un breve inseguimento, venne tratto in arresto, per resistenza a pubblico ufficiale, M.F., un ventunenne residente a Cesena.
Sin dalla primissima ricostruzione dei fatti, è risultato evidente che la matrice sottesa alla predetta lite fosse di natura politica, e ciò sia per le altre persone immediatamente identificate, sia per il rinvenimento di mazze e aste in Via Nicola Mazza, proprio in prossimità del predetto locale “Il Mastino”.
La successiva attività di indagine condotta da questa Digos ha confermato tale assunto: in particolare, dalla visione delle immagini estrapolate dalle telecamere di zona è emerso che, alcuni militanti della sezione scaligera di “Casapound – Blocco studentesco”, abbiano prelevato oggetti atti ad offendere all’interno della citata sede per poi dirigersi, compatti, in Piazza Santa Toscana al fine di fronteggiare un gruppo di giovani, riconducibili alla galassia antagonista della sinistra scaligera, che aveva da poco affisso diversi volantini contro le realtà dell’estrema destra veronese.
Il tempestivo arrivo degli equipaggi della Polizia, ha permesso di interrompere un iter criminoso che avrebbe inevitabilmente portato a fatti più gravi di quelli avvenuti.
Alla luce delle evidenze fattuali, nella mattinata odierna è stato perquisito “Il Mastino” e – all’interno dello stesso – sono stati rinvenuti ulteriori caschi, aste e bastoni, riconducibili al medesimo materiale sequestrato durante gli scontri del 2 dicembre scorso.
L’attività di indagine condotta dalla Digos della Questura di Verona, coordinata dalla locale Procura ha anche portato all’individuazione di undici persone, tutte indagate per il reato di porto di oggetti atti di offendere.
I denunciati – uno residente a Cesena e gli altri residenti in questa provincia – hanno un’età ricompresa tra i 17 ed i 24 anni e sono tutti militanti nella compagine dell’estrema destra scaligera di “Casapound Italia – Blocco Studentesco”, alcuni dei quali con a carico precedenti per reati contro la persona e reati “da stadio”.

Questura di Verona

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

50 anni fa è avvenuta la prima storica trasmissione a

ursula

Ue in stallo. Anzi peggio. Malgrado i media internazionali abbiano

I maltrattamenti filmati con una telecamera nascosta da un investigatore

In Italia cala il numero dei bambini e cresce la

“Condivido le parole del ministro Gualtieri circa #Quota100 e #Redditodicittadinanza”.

In molte città del mondo il 22 settembre si festeggia

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.