La posizione dell’UGL Sanità alla “Maratona patto per la salute” organizzata dal Ministero della Salute

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Salute

Maratona patto per la salute, la posizione dell’UGL nelle parole congiunte del Segretario Nazionale Gianluca Giuliano (UGL) e del Dirigente nazionale Gianluca Gaeta: “Per rilanciare il SSN serve sblocco del turnover, equiparare Sanità pubblica e privata e porre attenzione agli effetti di quota 100”

Presso il Ministero della Salute, ha preso il via, oggi 8 luglio, e continuerà il 9 e 10 luglio, la “maratona patto per la salute” alla quale ha partecipato anche l’UGL Sanità. Ecco la posizione dell’OS nelle parole del Segretario Nazionale, Gianluca Giuliano e del Dirigente nazionale Gianluca Gaeta: “Nella presentazione della “maratona patto per la salute” due slide hanno particolarmente colpito la nostra attenzione: “Tutti voi siete i pilastri della Salute” e “bisogna sapere ascoltare”. Preso atto di questo importante attestato di fiducia da parte del Ministero e sulla base della situazione attuale del SSN ecco quali sono, secondo noi, le criticità e le priorità da adottare per il rilancio del nostro comparto”

“La Sanità italiana, nonostante goda di moltissime eccellenze, sia in campo medico scientifico, sia in ambito di assistenza diretta, non riesce a fornire prestazioni adeguate alle reali necessità dei cittadini. Come UGL Sanita, ci siamo già espressi positivamente sugli aumenti dei fondi destinati all’edilizia sanitaria e a quelli destinati agli abbattimenti delle liste di attesa. Ora è tempo però per il governo di affrontare la vera questione insoluta della sanità partendo dallo sblocco del turn over e rinunciando al dannoso e fallimentare sistema dell’outsourcing”

“Un’attenzione particolare va posta anche sui possibili effetti di “quota 100”. Alla fine del 2018 circa 140.000 operatori sanitari dipendenti del SSN hanno raggiunto i requisiti per la pensione anticipata. Si tratta del 7.72% di tutti gli operatori della sanità del SSN. In un colpo solo, un perdita superiore a quella che il SSN ha subito tra il 2009 e il 2016. Questo è certamente un dato significativo, sulla base del quale bisogna pianificare in modo oculato i futuri piani di integrazione del personale”

“Secondo la nostra visione, è assolutamente doveroso equiparare i contratti della sanità pubblica e di quella privata, anche attraverso il rinnovo del CCNL della Sanità privata fermo da 12 anni, in modo da scongiurare definitivamente il rischio di ritrovarsi con lavoratori di serie a e lavoratori di serie b. Solo così riusciremo a ridare dignità e credibilità a tutta la sanità e ai suoi lavoratori”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Treni. Callori (Fdi): sicurezza dei passaggi a livello durante i

L’ex ginnasta, oro ad Atene 2004 nella sbarra, sarà al

La sera di mercoledì 21 agosto 2019, intorno alle 22.00,

Taglio del nastro , dei nuovi poliambulatori dell’Ospedale ‘Fornaroli’ di

E’ morta la scrittrice statunitense Toni Morrison. Classe 1931 Morrison

Un’altra morte sul lavoro che getta nello sgomento tutti e

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.