LA SOLIDARIETA’ DEL PARTITO UNIONE CATTOLICA AL DOTTOR COSTANTINO CIAVARELLA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
WhatsApp Image 2021-01-06 at 8.18.45 PM

LA SOLIDARIETA’ DEL PARTITO UNIONE CATTOLICA AL DOTTOR COSTANTINO CIAVARELLA, MEDICO TERRITORIALE E SINDACO DI SAN NICANDRO GARGANICO

IL SEGRETARIO POLITICO NAZIONALE IVANO TONOLI E IL RESPONSABILE DEL SETTORE SANITA’ E SALUTE, NICOLA GRIFA: I NOSTRI AUGURI DI UN PRONTO RISTABILIMENTO A UN ESEMPLARE AMMINISTRATORE PUBBLICO CHE, NON RINUNCIANDO ALL’ESERCIZIO DELLA PROPRIA FUNZIONE MEDICO-SOCIALE DI VICINANZA ALLA GENTE E AI CONCITTADINI IN DIFFICOLTA’, HA PURTROPPO CONTRATTO L’INFEZIONE DA CORONAVIRUS

A DIFFERENZA DI CERTI POPULISTI ARROCCATI NEI PROPRI PALAZZI, E DI UN PREMIER NON ELETTO DA NESSUNO CHE DECRETA TUTTO E IL SUO CONTRARIO IN NOME DEGLI ITALIANI, I SINDACI SONO ESPRESSIONE POPOLARE DIRETTA DELLE PROPRIE COMUNITA’ LOCALI, MA DEVONO OGNI GIORNO CONFRONTARSI CON RIDUZIONI CONTINUE DI FINANZIAMENTI E DI SERVIZI STATALI, CHE ESPONGONO I SOGGETTI PIU’ FRAGILI AI RISCHI DELL’ISOLAMENTO E DEL CONTAGIO E OBBLIGANO GLI AMMINISTRATORI COMUNALI A SUPPLIRE IN PRIMA PERSONA A TALI CARENZE E LACUNE GOVERNATIVE CENTRALI

Il Partito Unione Cattolica si stringe alla famiglia del Dottor Costantino Ciavarella, eccellente medico di medicina territoriale e di famiglia che svolge la propria funzione pubblica e sociale di costante vicinanza alla gente e ai concittadini altresì come ottimo Sindaco del Comune di San Nicandro Garganico in Provincia di Foggia. Il Dottor Ciavarella, che a differenza di certi populisti bene indennizzati dal denaro pubblico dei contribuenti non vive arroccato né scortato nei Palazzi del potere, ha contratto l’infezione da coronavirus nel corso di una visita a un proprio mutuato e paziente.

Attualmente si trova ricoverato in condizioni statiche.

Caro Sindaco, Tu sei un esempio autentico di come – anche nell’epicentro di una pandemia diffusa, oscura e ignota tuttora – la missione di pubblico ufficiale possa nonostante tutto, e malgrado obiettivi rischi e difficoltà, essere interpretata nel senso e nella direzione costante di un servizio reso al prossimo e non viceversa alla stregua di un privilegio autoritario e autoreferenziale, quel privilegio che il non-eletto Conte si è arrogato trasformando palazzo Chigi in un hotel con clinica a 5 stelle a nostro carico. I DPCM del governo Conte, oltre a mettere in difficoltà gli Enti locali chiamati a fronteggiare in prima linea un crescente disagio economico, sociale e sanitario senza nessun sostegno ministeriale, non isolano il virus: isolano invece le persone, di fatto abbandonando ed esponendo le più vulnerabili, e tutti noi potenzialmente, alla minaccia di questo nemico microscopico e devastante per la salute pubblica e di ciascuno. Un abbraccio quindi a Te, Sindaco Ciavarella, e non in remoto, il Tuo impegno e la Tua dedizione sono per noi del Partito Unione Cattolica un motivo in più per combattere al Tuo fianco, con Fede e Fiducia, per un’Italia dei Comuni e dei territori più sicura, più giusta, più solidale.

Il Segretario politico nazionale Ivano Tonoli e il responsabile delegato per il settore del welfare medico e sanitario, Dottor Nicola Grifa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Per Salvini la lotta al narcotraffico si fa suonando i

Veronica Giannone (Misto), in un post su Facebook afferma: “Ieri

Un fulmine a ciel sereno, o quasi, che ha improvvisamente

TOMMASI AIC – Damiano Tommasi, presidente dell’AIC, è intervenuto sulle

Orlando, vice segretario Pd ed ex ministro della giustizia, oggi 

“Gli italiani hanno dimostrato un enorme buon senso, però vogliono

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.