Lagarde: “Piano franco-tedesco ambizioso e mirato”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
lagarde

“Le proposte franco-tedesche sono ambiziose, mirate e benvenute”. Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde, che, in un’intervista a diversi quotidiani europei, tra cui il Corriere della Sera, spiega come il piano vada nella opportuna direzione del ripristino di una “simmetria tra Paesi”, permettendo l’attribuzione di aiuti “a favore degli Stati membri più colpiti dalla crisi”.

“Il piano di rilancio europeo che spero rapido e massiccio dovrà puntare ad investimenti in beni pubblici comuni, quelli che vanno finanziati in comune perché sono più efficaci. Vanno inclusi gli investimenti per la sicurezza sanitaria, la transizione verso un economia più green, più digitale e che protegga la biodiversità”, ha evidenziato Lagarde.

“Stimiamo i bisogni di finanziamenti aggiuntivi totali da parte degli Stati, generati da questa crisi, per il solo 2020, tra 1.000 e 1.500 miliardi di euro. Alcuni Stati membri riusciranno senza difficoltà a raggiungere le somme necessarie, altri avranno bisogno di una solidarietà finanziaria comunitaria, la cui dimensione e la cui composizione dipenderanno dall’ambizione dei Capi di Stato e di governo”.

Secondo Lagarde “questa crisi è una buona occasione per modernizzare le modalità del Patto di stabilità e di crescita che oggi è sospeso. Delle proposte innovative sono state fatte nel passato, in particolare da parte del Fmi, che sarebbe positivo riesaminare. Bisogna misura la loro pertinenza, la loro efficacia. Credo che i termini del Patto di stabilità e di crescita dovranno essere rivisti e semplificati prima di pensare reintrodurlo quando saremo usciti dalla crisi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

UniCredit formalizza ai sindacati con una lettera inviata oggi la

Come purtroppo era prevedibile, il provvedimento rivoluzionario annunciato una settimana

Il 28 e 29 novembre l’Università degli Studi di Catania

Lunedì 20 gennaio alle 17 ritorna l’appuntamento con “Nati per

La riforma costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari è

Come si temeva, in Australia l’emergenza incendi sta colpendo anche

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.