ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Lamorgese: “Con la pandemia impennata dei crimini online”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
lamorgese

Durante la pandemia i crimini online sono esplosi, gli unici reati che hanno visto un’impennata nel periodo di chiusura. Anche la criminalità organizzata, come noi, si è chiusa in casa e per raggiungere le persone ha fatto uso dello strumento che gli italiani utilizzavano per vivere”.

Lo ha detto il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese intervenendo a Firenze all’evento ‘Pensa 2040 Cultura e cittadinanza attiva come strumento chiave di lotta alla criminalità organizzata’.

Il ministro ha inoltre osservato che “la crisi pandemica ha certamente acuito i problemi. In un momento in cui le aziende sono in difficoltà economiche e le famiglie sono in difficoltà, è facile da parte delle associazioni mafiose intervenire come welfare alternativo”.

“Le mafie non si presentano più come una volta ma in modo subdolo – ha aggiunto il ministro – come un aiuto che viene dato alla famiglia senza interessi, invece gli interessi ci sono e sono altissimi, sia in termini economici che sociali. Senza rendersi conto di entrare in un circuito da cui è poi difficile uscire”.

“Son dell’idea che quando ci sono le risorse vadano date immediatamente soprattutto in momenti di bisogno, ma i controlli vanno fatti – ha aggiunto Lamorgese – c’è un’attività molto intensa, abbiamo fatto dei conti dedicati, dei protocolli d’intesa con Sace, l’Agenzia delle entrate e adesso ne stiamo facendo un altro con Cassa deposito e prestiti”.

“L’unica cosa che deve riaprire assolutamente è la scuola – ha detto il ministro Lamorgese – la scuola non è solo un momento di insegnamento – ha aggiunto il ministro – ma è un momento di aggregazione, è anche il momento dove gli insegnanti possono seguire i segnali di insofferenza dei ragazzi e segnalarli ai genitori”.

Sul tema delle mafie e del sequestro dei beni il ministro ha evidenziato che “occorrerebbe una procedura più veloce tra confisca e sequestro per dare a questi beni una collocazione diversa. Certamente dobbiamo studiare una opportunità di questo genere”. Il ministro si è riferito alla proposta avanzata dal sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, di lasciare sui territori parte dei proventi relativi ai beni confiscati alla criminalità.

“Di una cosa sono certa – ha concluso Lamorgese -, le amministrazioni locali vanno aiutate, ché tante volte non riescono a mantenere i beni”.

Parlando dei migranti il ministro ha ricordato che “ad Atene è stato preparato un documento comune tra i paesi del Mediterraneo, vorremmo che l’Europa fosse presente in misura maggiore, non c’è dubbio che l’Italia si senta sola come altri Paesi”. “Quando i migranti arrivano a Lampedusa non è certo perché vogliono rimanere in Italia – ha aggiunto – ma sono disperati per la loro condizione vogliono andare in altri Paesi europei”. “In Europa i paesi Visegrad ti dicono di no e ti dicono ti do le risorse e te la vedi tu – ha concluso – io voglio invece che qualcuno se ne prenda la responsabilità, non voglio solo risorse”.

Infine sullo Ius soli il ministro lo ritiene “un argomento sicuramente importante per cui è necessaria una grande condivisione in Parlamento”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sono stati completati i lavori di manutenzione straordinaria dei parchi

Approvato dalla conferenza unificata delle Regioni e dei Comuni il

Nella mattinata odierna, gli uomini della Digos scaligera hanno perquisito

Comunicato del SG del Partito Comunista, Marco Rizzo, in occasione

gallera

Zona rossa ad Alzano e Nembro? ”Era lo Stato che

UN GOVERNO ASSENTE ANCHE PRIMA DELLA CRISI STA CONSEGNANDO ALL’ANTISTATO

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.