ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Landini: “Importante investire su buon funzionamento Pa”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
landini

La scelta di investire sul lavoro, sull’innovazione del lavoro pubblico, sulla buona occupazione, sulla formazione sull’investimento per un miglior funzionamento di tutto il lavoro pubblico e quindi per migliorare i diritti dei cittadini e favorire il processo di funzionamento della macchina pubblica credo sia un obiettivo molto importante e che sia assolutamente importante il modo e il metodo con cui ci stiamo muovendo”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil Maurizio Landini alla firma del Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale tra il Premier Mario Draghi e il ministro Renato Brunetta e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri a Palazzo Chigi.

“E’ il momento della responsabilità per tutti, di risolvere i problemi; quando parliamo di Pa parliamo anche di diritto alla salute e alla conoscenza come elementi importantissimi. Questo vuol dire far crescere il Paese e dare un messaggio di speranza e di fiducia. E’ il momento del fare”, ha detto ancora.

“La coesione sociale e la democrazia si rafforzano – ha aggiunto Landini – se le persone possono attraverso la loro intelligenza e il lavoro vivere dignitosamente, una prospettiva che dobbiamo dare ai giovani, alle donne e al Mezzogiorno”. “C’è la piena condivisione e il pieno sostegno della Cgil”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il 60° Salone Nautico di Genova, organizzato da Confindustria Nautica

Appuntamento il 27 giugno in via Piumati, nell’ambito della rassegna

“Una terza ondata è certa, in mancanza di adeguate misure

asilo

La Giunta di Virginio Merola ha approvato un pacchetto di

bergonzoni

Dove spesso vengono immigrati regolari che sono i primi a

Il direttore de La Stampa non dovrebbe mai dimenticare che

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.