L’ASSESSORE ALL’AGRICOLTURA CONSENTA AGLI APICOLTORI DI INTERVENIRE SUGLI SCIAMI DI API

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
api

REGIONE LAZIO, NOVELLI: “L’ASSESSORE ALL’AGRICOLTURA CONSENTA AGLI APICOLTORI DI INTERVENIRE SUGLI SCIAMI DI API”

“Ho inviato una lettera all’Assessore all’Agricoltura Enrica Onorati per chiedere un intervento in merito al recupero degli sciami da parte degli apicoltori. Un’attività che andrebbe inserita nelle attività zootecniche necessarie e negli interventi indifferibili, necessari ed urgenti anche per la sanità pubblica, qualora gli sciami rappresentino un rischio per la salute dell’uomo”- dichiara il Presidente della Commissione Agricoltura e Ambiente Valerio Novelli.

L’intervento degli apicoltori è necessario e spesso viene richiesto sia dai Vigili del Fuoco, che dalle Prefetture e dalle forze di polizia ma anche dai cittadini.

“Quando nell’alveare è presente un eccessivo numero di api- spiega Novelli- la vecchia regina abbandona l’alveare insieme ad un consistente numero di api. Questo comporta, quindi, che lo sciame possa nidificare anche in altre zone, come per esempio all’interno di giardini privati. Per questo viene richiesto l’intervento degli apicoltori per intervenire in sicurezza sul recupero dello sciame di api”.

Un intervento richiesto dalle associazioni di categoria e dall’istituto zooprofilattico di Lazio e Toscana.

“Il mio metodo di lavoro parte sempre dall’ascolto delle istanze del territorio- conclude Novelli- ed anche in questo caso ho raccolto le preoccupazioni delle associazioni degli apicoltori e dell’istituto zooprofilattico di Lazio e Toscana. Il mio auspicio è che l’Assessore faccia propria questa richiesta ed intervenga nel minor tempo possibile”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In Italia viene uccisa una donna ogni 72 ore. Le

MASSAROSA (LU) – Un grande raduno di Fiat 500 a

TORINO – Pare sia stato il 28 maggio 1819 che

Da sfiducia nascono pulsioni antidemocratiche, i social media influenzano gli

69 vittime erano ragazzi, giovani studenti, impegnati a parlare di

Entro il 21 dicembre 2020 gli Stati membri dell’Unione europea

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.